Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
All’Eredità su Rai1 la frase di Marco Liorni sull'oro alla Patria fascista: «Gesto patriottico». È polemica

Cronaca mercoledì 14 novembre 2018 ore 19:37

Pesca: strumenti vietati e un diportista multato

Foto di repertorio

Il resoconto di due interventi della Guardia costiera durante i controlli per tutela del mare e sicurezza della navigazione nell'Arcipelago toscano



PORTOFERRAIO — Oggi il personale della Guardia costiera di Portoferraio a bordo della motovedetta CP 725, durante le operazioni di controllo ambientale, nell’ambito della convenzione con il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, presso le isole di Pianosa e Montecristo, ha rinvenuto numerosi strumenti da pesca, comunemente denominati “cannizzi”. 

Si tratta di dispositivi rudimentali rinvenuti in mare, come spiegano dalla Capitaneria di porto di Portoferraio, che erano posizionati probabilmente da pescatori non professionisti, che erano formati da foglie di palma, da diversi contenitori in plastica di varie forme e dimensioni oltre ad alcuni sacchi sempre in plastica.

Si tratta di dispositivi molto comuni soprattutto nel Sud Italia, che risultano non conformi alla vigente disciplina in materia di attrezzi da pesca e sono perciò vietati sia a tutela della risorsa ittica sia dell’ecosistema marino. Sono sistemi che rappresentano una subdola trappola per i pesci, attirandoli in superficie per effetto dell’ombra creata, per poi catturarli con reti ad essi collegati tramite delle cime.

I “cannizzi” rinvenuti presso le acque circostanti l’isola di Montecristo sono stati rimossi anche per evitare pericoli per la sicurezza della navigazione. 

Nella stessa giornata il conduttore di una imbarcazione da diporto, che si trovava all’interno del porto di Portoferraio, intento nell’esercizio della pesca, è stato sanzionato da militari a bordo del battello pneumatico della Guardia costiera di Portoferraio. 

A questo proposito la Capitaneria di porto di Portoferraio ricorda che la pesca all’interno delle acque portuali, della rada e del canale d’accesso al porto è vietata principalmente per motivi di sicurezza della navigazione, in base all’ordinanza n. 147 del 2005, consultabile sul sito della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Portoferraio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I proprietari ormai anziani devono trasferirsi in paese e cercano una sistemazione per il pony. Ecco le informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità