comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 25°25° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 06 agosto 2020
corriere tv
Coronavirus, Galli: «Temo che il vaccino non ci sarà prima della fine del 2021»

Cultura mercoledì 15 luglio 2020 ore 12:15

"Ofelia", il nuovo libro di Maria Gisella Catuogno

Maria Gisella Catuogno

Il libro ricostruisce in un romanzo la storia di un'elbana di modeste origini che lavorò come dama di compagnia alla corte di Windsor



PORTOFERRAIO — E’ in libreria Ofelia. Un'elbana alla corte dei Windsor, l’ultimo romanzo di Maria Gisella Catuogno, edito da Persephone, la casa editrice capoliverese di Angela Galli. Il lavoro ricostruisce la straordinaria vicenda umana e professionale di una giovane donna del Cavo, che, dagli inizi degli anni ‘50 fino al 1986, fu la dama di compagnia della duchessa di Windsor, ossia Wallis Simpson, per sposare la quale Edoardo VIII rinunciò al trono dell’Impero britannico.

Sullo sfondo delle vicende belliche isolane e internazionali della seconda guerra mondiale, del suo lungo epilogo e degli scenari storici successivi, dal sessantotto agli anni ’80, si tracciano e si definiscono le personalità di due creature femminili diversissime per status, sensibilità e valori ma destinate a unire per trent’anni i reciproci destini.

La copertina del libro

Accanto a loro, una miriade di personaggi di contorno: dall’enigmatico duca, soggiogato dal fascino della moglie, ai reali inglesi; dall’americana zia Bessie al maggiordomo Georges; dalla coraggiosa Marina di Kent all’eroico Abbé Pierre; dall’incantevole Grace Kelly alla terribile Suzanne Blum. E luoghi altrettanto lontani ma uniti da fili invisibili: l’Isola d’Elba, l’Isola di Jersey, Parigi, Londra, Madrid, New York…

Così l’autrice nella nota introduttiva:

“Una bella ragazza che alla vigilia della seconda guerra mondiale, in una piccola isola mediterranea, organizza una scuola di ricamo per le bimbe del suo paese, ma, fra un punto pieno e uno a giorno, confessa i suoi sogni d’evasione e la voglia di girare il mondo; una signora americana molto chiacchierata, sempre elegante e dal fascino androgino, che riempie della sua storia le cronache dei giornali, perché un re, bello e biondo, rinuncia per sposarla alla corona del più grande impero che esista; una villa favolosa, ai margini di un immenso parco, dove i destini di queste due donne, diverse per nazionalità, età, condizione sociale e sensibilità, si incontrano e restano intrecciati per sempre, fino alla morte di una di loro". 

Il libro prende spunto dalla storia dell'elbana Ofelia Baleni, le cui vicende sono state tramandate nel paese e hanno acquistato anche caratteri leggendari. 

"Il romanzo - spiega l'autrice - presenta dunque solide radici storiche, in quanto i personaggi rappresentati sono reali e il contesto in cui agiscono rigorosamente ricostruito: dagli eventi della seconda guerra mondiale, all’Europa postbellica, fino al sessantotto e agli anni ottanta; ma, naturalmente, l’Ofelia di queste pagine è la mia Ofelia, come è mia la Wallis di cui parlo, nel senso che, pur attingendo, per la prima, all’affettuoso ricordo dei parenti – mi preme citare il nipote Roberto Baleni e il bisnipote Fabrizio Baleni – e ad articoli che la riguardano (in particolare La bella storia di Ofelia Baleni di Luigi Cignoni su Lo Scoglio e Ofelia Baleni: da maestrina di ricamo a dama di compagnia reale in Racconti riesi* di Carlo Carletti),e, per la seconda, ai molti interventi giornalistici di cui è piena la rete e al saggio La duchessa di Caroline Blackwood, come sempre succede quando si scrive un romanzo, quanto letto e appreso dall’autrice o dall’autore è filtrato e interpretato dalla sua sensibilità e personalità".



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni 2020

Attualità

Attualità

Attualità