Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PORTOFERRAIO16°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo speciale social di Cook dal Vinitaly

Attualità lunedì 25 aprile 2016 ore 08:59

"Nessun aumento di tumori all'Elba"

Il sindaco Ferrari ha raccolto i dati dei decessi tumorali e i numeri sono in linea con il '93. "Il Comitato ha fatto inutile allarmismo"



PORTOFERRAIO — In riferimento a quanto comparso su alcuni blog lo scorso 6 aprile a firma del Comitato Elba Salute circa la continua crescita dei tumori sul territorio elbano, e in particolare a Portoferraio, l'amministrazione comunale ha avviato un'indagine epidemiologica ricercando dati ufficiali regionali circa l’incidenza di tali patologie. 

I dati, forniti dall’Agenzia Regionale Toscana, informano che a fronte di 295 decessi registrati nel lontano 1993, nel 2012 sono stati 304. 

Gli screening vengono fatti ogni 5 anni perché è necessario un lungo periodo di tempo per valutare variazioni nell’incidenza di tali malattie e pertanto i prossimi dati saranno resi noti nel 2017 e informazioni circa dati che possono circolare per gli anni successivi al 2012 non debbono ritenersi validati.

Contemporaneamente la speranza di vita è aumentata di 8 anni per gli uomini e 6 anni per le donne. Per quanto riguarda l’aumento delle prestazioni che da parte del servizio di oncologia di Portoferraio questo è determinato dal fatto, positivo per i pazienti, che diversi trattamenti di sostegno, prima erogati dal medico di famiglia o a domicilio, vengono trattati oggi in regime di Day Hospital.

"Scambiare volumi di prestazioni con casistica - commenta il sindaco Mario Ferrari - e quindi incidenza di una malattia, è un errore superficiale e grave che induce a diffondere false notizie, e quando ciò avviene su argomenti così delicati si provoca un danno alla popolazione fomentando ansie ed ingiustificate paure".

"C’è inoltre da tenere presente - continua il primo cittadino - che un eventuale, ma non documentato, aumento delle presenze di pazienti affetti da patologie tumorali potrebbe essere legato anche a altre cause che niente hanno a che vedere con un aumento reale della malattia, come un miglioramento dei metodi di diagnosi che comporta una maggiore capacità diagnostica, la realizzazione di screening sulla popolazione che può portare a una identificazione e concentrazione di casi che altrimenti sarebbero diluiti negli anni, e infine la realizzazione e miglioramento di attività che funzionano come polo di attrazione per cui molti pazienti non si rivolgono più a servizi di altre aziende sanitarie ma rimangono in loco". 

Ferrari poi conclude: "Come si vede quindi un apparente aumento dei casi di una malattia andrebbe analizzato con cura e da persone capaci di valutare tutto, non solo i numeri ma anche le circostanze che ne determinano variazione, in altre parole da persone esperte e non da dilettanti allarmistici. 

Siamo ora in attesa di ricevere dati ufficiali circa l’inquinamento del suolo, delle acque potabili e del mare che saranno rese note quanto prima. Ci auguriamo che episodi d’ingiustificato allarmismo non si ripetano in futuro e invitiamo tutti a una maggiore prudenza nel diffondere non veritiere notizie di così grande portata sociale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Soccorsi attivati prima per un uomo colpito da un malore cardiocircolatorio e successivamente per una donna caduta durante la gara di trail
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Politica