Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:32 METEO:PORTOFERRAIO13°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Cronaca mercoledì 17 marzo 2021 ore 08:16

Motocross vietato nei sentieri del Parco

Il Tribunale di Livorno respinge i ricorsi presentati da alcuni motociclisti e conferma la legittimità delle ingiunzioni di pagamento delle sanzioni



PORTOFERRAIO — Il Parco nazionale Arcipelago toscano rende noto che il Tribunale di Livorno, sezione distaccata di Portoferraio, ha emesso le prime 5 sentenze in merito a 7 ricorsi presentati da altrettanti motocrossisti che avevano chiesto l’annullamento delle ordinanze ingiunzioni di pagamento emesse dal Parco.

Il gruppo di motocrossisti era stato sanzionato nel 2015 dal personale dell’ex Corpo Forestale dello Stato, per aver transitato sul sentiero n.62 nel tratto tra Monte Strega e località Aia di Cacio nel Comune di Rio. 

L’Ente Parco, a chiusura dell’istruttoria, ritenendo fondato l’accertamento della violazione effettuato dal Corpo forestale ha emesso le ordinanze per l’ingiunzione del pagamento delle sanzioni amministrative ed irrogando il massimo previsto dal vigente Regolamento.

Queste ordinanze sono state quindi impugnate dai motocrossisti davanti al Tribunale di Livorno che ha ritenuto infondati i motivi del ricorso e, soprattutto, ha riconosciuto come “il sentiero in questione, a nessun titolo, potrebbe essere qualificato come strada, di nessun tipo, intesa come luogo percorribile, non solo a piedi, ma altresì con mezzi meccanici”. 

È stato, dunque, vano il tentativo di invocare l’applicazione del Codice della Strada per legittimare il transito sul sentiero in questione, così come quello di lamentare l’assenza di cartelli stradali che prescrivano espressamente il divieto di circolazione.

"Si tratta di sentenze importantissime - sottolineano dal Parco - che riconoscono la validità dell’operato del Corpo Forestale dello Stato e dell’Ente Parco e che speriamo possano fungere da deterrente per coloro che intendono scorrazzare con le moto sui sentieri del Parco, costituendo un vero e proprio pericolo per l’incolumità pubblica, oltre che un grave danno per il territorio".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità