Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PORTOFERRAIO22°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità sabato 10 aprile 2021 ore 06:30

Marcello D'Arco nel progetto "In Itinere"

Opera di Marcello D'Arco, Il Falcone

Si tratta del progetto sui Nuovi paesaggi urbani, La città di Portoferraio per l’arte che promuove installazioni di artisti del territorio elbano



PORTOFERRAIO — Da sabato 10 aprile, all’interno del tunnel di via Guerrazzi nel centro storico di Portoferraio, sarà esposto un maxi poster con un’opera dell'artista Marcello d’Arco dal titolo Spettacolo dall’antica biblioteca, il terzo installato finora legato al progetto In Itinere, Nuovi Paesaggi Urbani, La città di Portoferraio per l’arte.

Il progetto partito il 25 Marzo scorso è dedicato all’arte contemporanea dell'Elba e nella sua semplicità assolve tre compiti sostanziali: decoro urbano, promozione turistica e iniziativa culturale di valorizzazione del patrimonio immateriale (per maggiori informazioni sul progetto leggi qui).

Riportiamo qui sotto un testo sulla biografia e l'arte di Marcello D'Arco:

"Marcello d’ Arco è nato a Portoferraio, dove vive e lavora. Espone in una mostra collettiva estemporanea nel 1977 ed allestisce la sua prima personale nel 1991. Giornalista, è tra i fondatori del gruppo “Artisti all’Elba” guidato da Gino Gonich (Gonni) istriano ed elbano di adozione, punto di riferimento fin dagli anni ‘50 di intellettuali ed artisti che hanno frequentato l’isola.

Il percorso creativo di Marcello d’Arco si può dire inizi veramente con un rapporto emotivo con la sua città: una relazione estremamente stimolante fra Portoferraio, la cui bellezza è il puro frutto della razionale funzionalità di una perfetta macchina fortificatoria, un soggetto-oggetto non facile da dominare, da comprendere nella sua essenzialità architettonica e urbanistica. E la personalità creativa di d’Arco è riuscita a stabilire il circolo virtuoso di un dialogo interattivo costante con le geometrie, l’essenzialità della forma urbana della “Cosmopolis”, leggere la struttura che sottende la ‘forma urbis’.

La città è vista come una metafora di forme che si demoltiplicano e incessantemente si alterano fino a perdere i loro caratteristici contorni, è il teatro, il palcoscenico della vita; è l’atto conoscitivo, reminiscenza di idee, il modo, il processo che l’artista percorre e ci offre per ritrovare le idee, i sensi che costituiscono la memoria, la sua e la nostra, è lo schema che legge le ambiguità dell’esistenza, lo splendore della vita delle isole tirreniche, il respiro intorno al mare e le rocce grigiastre blu, gialle, verdi. [...] È simbolo e sintesi di una aspirazione, di un ordine ideale, la Cosmopoli medicea che prefigura un mondo di armonia ed equità, il sogno del bello nell’arte e nell’etica. Un paesaggio sempre di notevole interesse: sfumature, variazioni tonali: la forma del colore crea essa stessa struttura e volumi del tutto nuovi, di una nuova e diversa essenzialità". 

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al via l'apertura del Rallye Elba storico con l'edizione 2021 dedicata ad Elio Niccolai e Capoliveri omaggia organizzatori ed evento internazionale
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Politica

Attualità