QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 19°27° 
Domani 18°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 14 agosto 2018

Cronaca venerdì 19 gennaio 2018 ore 19:00

L'Elba è ancora un'isola sicura

Il capitano Antimo Ventrone

Resi noti dal comandante della Compagnia Carabinieri capitano Antimo Ventrone i numeri dell'attività dell'Arma sul territorio nel corso del 2017



PORTOFERRAIO — L'Elba si conferma come un'isola sicura. Questo emerge dai dati forniti alla stampa dal comandante della Compagnia Carabinieri di Portoferraio, capitano Antimo Ventrone, nel corso di una conferenza stampa convocata presso la sede della Compagnia in piazzetta Giulio Giusti.

Nell'anno appena trascorso, in particolare, l'attività repressiva è stata decisamente intensificata:  triplicati infatti gli arresti, ben 43, contro  i 17 dell'anno precedente.

Nel dettaglio, i militari dell'Arma hanno concluso importanti operazioni con risalto anche fuori Elba: fra queste, una con  5 arresti il 30 gennaio 2017 a Marina di Campo, a seguito di una aggressione con manganelli e coltelli ad un cittadino bulgaro percosso e rapinato; a marzo l'operazione Vesuvio, coordinata dalla Procura della Repubblica di Livorno, per reprimere una attività  di spaccio di stupefacenti nell' Elba orientale, con  approvvigionamento sia da Genova che da Napoli. In quella occasione ci furono 9 arresti,  sette chili di droga sequestrata e 70mila euro di cui è stata accertata la provenienza per il pagamento della droga attraverso  Postepay. Conclusa anche l'attività legata alla rapina di Pareti, effettuata nel 2012 a danni di Ugo Geri, con la cattura in collaborazione con Interpol del  basista moldavo, arrestato a Odessa e poi estradato. Altri arresti - ben due - sono seguiti ad attività di controllo contro lo spaccio di banconote false,  con sequestri banconote false da 50 e 20 euro in flagranza di reato.  Ancora 2 arresti , infine, nei confronti di soggetti ricercati per aver commesso altrove reati:  un moldavo per furti a Parma e un jugoslavo per furti e ricettazione a Livorno e Grosseto. 

Importanti poi gli interventi di soccorso effettuati in estate a persone in difficoltà, in particolare escursionisti, insieme alle ricerche di Italia Nelli, la anziana signora scomparsa da Sant'Ilario,  fra cui  le ultime nella settimana scorsa.

Il capitano Ventrone ha poi ricordato con piacere l'intitolazione del piazzale della Compagnia Carabinieri alla memoria di Giulio Giusti, generale dell'Arma dei Carabinieri che in tempo di guerra ebbe a compiere numerosi interventi a tutela di persone residenti all'Isola d'Elba.

Altro evento importante verificatosi nell'anno appena trascorso è stato l'accorpamento dei componenti della Guardia  Forestale: una operazione - ha sottolineato il comandante -  che procede con un ottimo amalgama con il reparto Parco Nazionale Arcipelago Toscano e con i militari che operano nella sede delle  Ghiaie.

L'attività principale dei militari dell'Arma è stata comunque quella di controllo del territorio: nell'anno appena trascorso ci sono state ben 5139 fra pattuglie e perlustrazioni, con 10345 militari impiegati. Sono stati identificati 24422 persone, mentre sono stati 20272 i mezzi controllati.

C'è stata inoltre una importante attività preventiva diretta ad evitare reati da parte di soggetti socialmente pericolosi, con l'emissione - quando opportuno - di fogli di via obbligatori.

Riassumendo, 847 i delitti commessi nel 2017 contro 776 nel 2016: un anno con attività delittuose costanti, quindi,  rispetto agli altri anni.  Solo per reati connessi all'uso di stupefacenti ci sono stati 11 arresti e 5 denunce a piede libero, mentre per furti ben  35 denunce a piede libero 2 arresti.Riguardo all'attività di controllo del Codice della Strada 1381 le infrazioni elevate, mentre nell'anno c'è stata una diminuzione incidenti mortali  - 1 contro 5 nel 2017 - e dei feriti , da 48 a 45. In particolare, riguardo alla guida in stato di ebbrezza per alcool o stupefacenti ci sono state 14 denunce e 8 patenti ritirate

In aumento le truffe, in particolare quelle on line:  su 64 denunce  fatte ci sono state 42 persone denunciate,  soprattutto per quanto rigrarda truffe legate all'affitto di appartamenti.

Incrementata anche la lotta all'abusivismo commerciale:  da giugno a settembre 20 i sequestri amministrativi per vendita ambulante senza licenza sulle spiagge. Il particolare:  5 denunciati erano italiani, il resto stranieri  Da segnalare ancora che per reati come violenze familiari e stalking dato non allarmante.

A livello repressivo, in totale, ci sono state dunque 346 denunce a piede libero, quasi una al giorno,  oltre ai 43 arresti a fronte di 17 lo scorso anno.

"Siamo molto soddisfatti - ha commentato il Capitano Ventrone - dell'andamento più che soddisfacente dell'Arma elbana nell' anno trascorso.  L'augurio che rivolgo a tutti i collaboratori à  quello di continuare in questa direzione con l' usuale spirito di servizio,  professionalità e con quella collaudata sinergia fra reparti che ad oggi ci ha consentito di essere considerati un punto di riferimento per la cittadinanza".
"Elba isola sicura anche nel 2017 - ha aggiunto il Comandante della Compagnia - un dato  confermato dal trend costante dei reati contro la persona e contro il patrimonio che si attestano su livelli molto bassi rispetto alla media nazionale. L' obiettivo  - ha concluso il Capitano Ventrone - resta sempre quello di diminuire sempre più delitti sul territorio, con lo sforzo costante delle sei stazioni su sette comuni e dei tre posti fissi stagionali  - Cavo,  Lacona e  Pianosa  - oltre al posto fisso all'aeroporto per il servizio di polizia di frontiera. La presenza è capillare sul territorio, e possiamo tranquillamente evidenziare il lavoro di  repressione fatto che quest'anno è stata particolarmente premiante. L'incremento degli arresti è dovuto pricipalmente a questo"

Fabio Cecchi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità