Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Attualità venerdì 05 febbraio 2016 ore 15:39

"Le lepri di Pianosa pericolo per l'ecosistema"

Il presidente del Parco, Giampiero Sammuri, spiega il progetto di sostituzione della lepre europea con quella italica sull'isola piatta



PORTOFERRAIO — La lepre europea è un pericolo vero per l'ecosistema di Pianosa e va rimpiazzata. E' questo in sintesi il pensiero di Giampiero Sammuri, presidente del Parco nazionale dell'arcipelago toscano che interviene così sull'allarme lanciato da alcune associazioni ambientaliste.

"La lepre europea - spiega - è una specie aliena, introdotta sì volontariamente negli anni scorsi, ma che ora si sta rivelando dannosa. La presenza di specie aliene è la seconda causa di distruzione della biodiversità nel mondo".

Poco da scherzare quindi e il Parco si impegnerà a fondo per trovare i circa cento esemplari di lepre "aliena" e sostituirli successivamente con i cugini nostrali: "E' un progetto triennale che risponde a una precisa indicazione della Comunità europea (il regolamento 1143/2014) che ci obbliga a impegnarci per l'eradicazione delle specie aliene, soprattutto sulle isole. Il progetto è finanziato dall'UE e regolato dall'Ispra".

Il presidente vuole poi allontanare qualunque ipotesi di mattanza: "Capisco la preoccupazione delle associazioni animaliste ma la maggior parte delle lepri verranno catturate e trasportate altrove dove non nuoceranno all'ecosistema. Una buona parte verrà liberata in determinate aree della penisola e qualcuna potrebbe essere spostata all'Elba".

Le operazioni dovrebbero cominciare presto e verranno svolte dal personale del Pnat assistiti da alcuni volontari.

Nel merito è intervenuta anche Legambiente che si è schierata con il Parco: "Non si tratta di una qualche crudeltà scientifica verso gli animali, ma di correggere la scellerata scelta di introdurre nelle isole, i luoghi della Terra dove la perdita di biodiversità è più numerosa per specie e più accelerata, animali che hanno sconvolto le comunità viventi autoctone, producendo spesso irreparabili danni ecologici, prima che economici (anche questi enormi, si pensi solo ai cinghiali e ai mufloni introdotti all’Elba) e privandoci di specie preziose, belle, uniche. Come belle e uniche erano la lepre e la pernice che vivevano nell’Arcipelago Toscano e che sono stata spazzate via da una concezione della natura che vede gli animali solo come bersagli da rimpinguare.

Gli amici animalisti hanno certamente ragione su una cosa: la colpa non è degli animali, è dell’uomo. Ma noi crediamo che di fronte a scelte sbagliate sia lo stesso uomo a dover intervenire e correggere a ristabilire un equilibrio che non sono stati gli animali a mutare, uno squilibrio che non fa parte della naturale evoluzione della natura o dell’adeguarsi delle specie all’Antropocene, all’era del riscaldamento climatico che spinge le specie a spostarsi e a cambiare abitudini".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per evitare l'attesa due pazienti sono stati trasferiti contemporaneamente all'ospedale di Livorno con l'elisoccorso intorno alle 19,30
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO