Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:45 METEO:PORTOFERRAIO20°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Federico Rampini e la nuova Arabia Saudita: possiamo fidarci di bin Salman?

Attualità martedì 25 settembre 2018 ore 09:30

La festa di fine vendemmia a Montefabbrello

La zampicatura dell'ansonica a Montefabbrello

Dopo due anni di stop torna la zampicatura dell'ansonica nel palmento. Il gemellaggio con la Festa dell'Uva di Capoliveri e con Diversamente Sani



PORTOFERRAIO — Un tuffo nel passato delle tradizioni elbane, fra sapori di un tempo e riti dimenticati. Dopo due anni di stop, causati dalle condizioni climatiche che avevano anticipato la vendemmia, è tornata quest'anno nella giornata di  lunedì 24 settembre la tradizionale Festa di Fine Vendemmia organizzata dall'azienda agricola Montefabbrello per salutare insieme ad amici e professionisti dell'enogastronomia elbana la conclusione della raccolta dell'uva nelle campagne elbane.

Prima dell'inizio del rito della zampicatura dell'ansonica due importanti novità, volute da Dimitri Galletti, proprietario dell'azienda agricola e  ideatore della festa. Innanzitutto un gemellaggio con la Festa dell'Uva di Capoliveri, che ha partecipato con i quattro caporioni di Fosso, Baluardo, Fortezza e Torre e con alcuni figuranti in costume d'epoca, quasi a sancire l'apertura di un periodo dedicato alla vendemmia e alle cantine che si è aperto con la festa di Montefabbrello e che si chiuderà ufficialmente con la Festa dell'Uva di Capoliveri domenica 7 ottobre. E poi un'altra presenza importante, quella dei volontari di Diversamente Sani Onlus, l'associazione vicina ai malati oncologici dell'isola, alla quale i presenti hanno dedicato le loro piccole ma generose offerte. Presente per un saluto di buon augurio anche il sindaco di Portoferraio, Mario Ferrari: "Sono venuto a salutare una delle eccellenze del nostro territorio - ha detto il sindaco - e mi ritrovo ad emozionarmi per la ripetizione di un rito che fa parte delle nostre tradizioni e della nostra infanzia".

Subito dopo, tutti sul palmento, grandi e piccini  a schiacciare l'ansonica a tempo di musica fino quasi al tramonto. Nel frattempo, fra un brindisi e l'altro, Dimitri Galletti ha voluto dedicare un suo riconoscimento a Pierluigi Baiocchi, anziano viticoltore riese, per la passione con cui ancora oggi in maniera quasi eroica cura le sue vigne di procanico, biancone e alicante situate sulle pendici del Volterraio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un’opportunità strategica per monitorare l’ecosistema marino nel corso della realizzazione dei grandi collegamenti sottomarini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Elezioni

Attualità

Attualità