Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:42 METEO:PORTOFERRAIO12°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Tonga, prima e dopo l'eruzione del vulcano

Cronaca martedì 31 gennaio 2017 ore 16:47

Il Comune perde la causa, Donati va reintegrato

L'ex dirigente era stato licenziato ma il tribunale dichiara nullo il procedimento e obbliga il Comune al reintegro e al pagamento dello stipendio



PORTOFERRAIO — Il licenziamento di Luca Donati, ex dirigente dell'area economica del Comune di Portoferraio, è nullo e il dipendente va reintegrato nel posto di lavoro pagando lo stipendio arretrato.

E' quanto ha stabilito il tribunale di Livorno, nella persona del giudice Francesca Sbrana, che nella seduta odierna concludeva la causa iniziata da Donati contro il provvedimento assunto dall'amministrazione comunale nei mesi scorsi.

Ancora sfortunata in tribunale, quindi, la giunta di Portoferraio che per la seconda volta vede un giudice non accogliere le proprie istanze: la vicenda Donati va infatti ad aggiungersi all'altro procedimento vinto dall'ex segretario generale del Comune, Michele Pinzuti.

E scorrendo le motivazioni di diritto e di fatto dell'ordinanza il giudice spiega come la nullità del licenziamento sia ascrivibile proprio al successore di Pinzuti, Gianluigi Acerbi, che lo ha sostituito nella carica e nelle funzioni.

L'incompatibilità di Acerbi nella gestione disciplinare che ha portato al licenziamento di Donati ha origine nei giorni precedenti in quanto: "Risulta infatti documentalmente, oltre che incontestato, che il segretario dott Acerbi - soggetto che risulta avere effettuato la contestazione disciplinare ed istruito la relativa procedura - contestualmente all’avvio del procedimento disciplinare sporgeva denuncia-querela nei confronti del Donati innanzi alla competente Stazione dei Carabinieri".

Acerbi quindi, nel momento in cui avvia il procedimento disciplinare che porterà al licenziamento, è anche controparte penale di Donati, avendolo denunciato per una lite sfociata in una querela per diffamazione: "L’Acerbi - si legge nel documento - rappresentava di essere stato offeso, oltraggiato e diffamato. Successivamente il medesimo segretario generale, in qualità di responsabile dell’Ufficio disciplinare, procedeva ad istruire la procedura nonché ad irrogare infine la relativa sanzione al Donati con provvedimento del settembre 2016".

Una posizione che dava origine a "ipotesi di gravi ragioni di convenienza" confermata anche quando Donati ha presentato domanda di ricusazione di Acerbi.  

"In un contesto simile - osserva la corte - nel quale cioè da divergenze sul piano lavorativo sia era passati ad una vera e propria lite permanente dai risvolti penalistici, elementari e comprensibili ragioni di imparzialità e di trasparenza avrebbero imposto di astenersi, tanto più che si era anche in presenza di una formale istanza di ricusazione".

"Deve quindi ritenersi che l'illegittimità della procedura, per inosservanza del dovere di astensione, si rifletta sulla deliberazione finale di risoluzione del rapporto di lavoro, comportandone per ciò solo l'annullamento".

Il tribunale di Livorno, in funzione di giudice del lavoro, ha quindi accolto il ricorso presentato da Luca Donati riconoscendogli il diritto alla reintegrazione ed al risarcimento del danno, da cui va detratto quanto percepito da Donati nei successivi contratti di lavoro stipulati dal licenziamento ad oggi.

Il giudice condanna il Comune anche al pagamento delle spese di lite liquidate in 2.400 euro per rimborso forfettario delle spese generali. 

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questo il dato del bollettino settimanale dell'Asl Toscana nord ovest. Sono 280 le persone guarite dal Coronavirus nell'ultima settimana
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca