Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Letizia Moratti balla e canta con Ivana Spagna sulle note di «The Best»

Attualità mercoledì 05 gennaio 2022 ore 06:30

I cinghiali invadono la villa romana delle Grotte

Come ormai avviene in tutte le zone dell'isola i cinghiali in cerca di cibo hanno scavato tra i resti archeologici causando dei danni



PORTOFERRAIO — "Cinghiali “intellettuali” amano molto il parco archeologico della Villa Romana delle Grotte e ci vengono a trovare, approfittando dei nuovi percorsi di visita inaugurati e aperti ogni anno". 

Si apre così un post pubblicato su Facebook dalla Fondazione Villa romana delle Grotte per segnalare i danni causati dai cinghiali che hanno scavato nel parco archeologico in cerca di cibo.

"Lo sappiamo bene - proseguono dalla Fondazione  - che un nutrito gruppo di ungulati ha preso possesso del parco archeologico. Ormai da anni scorribande di numerosi esemplari arano il terreno spostando, se di impedimento alla loro ricerca di radici appetitose, rovine romane, muretti e mucchi di “cubilia”, il materiale edilizio di forma piramidale in serpentino verde e calcare bianco radunato con cura ai lati dei camminamenti. Nemmeno una solida rete di recinzione, fissata con filo di ferro e ancorata a paletti in metallo, messa per motivi di sicurezza intorno a un profondo pozzo recentemente scoperto dagli archeologi dell’Università di Siena, ha resistito alle loro spallate. È già la seconda volta che gli operatori specializzati intervengono per rimettere tutto a posto". 

"Sarà necessario un terzo intervento. Nel frattempo, vista l’impotenza generale di fronte a queste prepotenze e distruzioni, la Fondazione ha aderito con convinzione al Comitato per il contenimento dei cinghiali all’isola d’Elba, firmando un chiarissimo ed esauriente documento programmatico, nella speranza che la Regione Toscana prenda finalmente atto della grave situazione condivisa da tantissimi. Il settore culturale si è così unito ad agricoltori, imprenditori e privati cittadini finora impotenti e non tutelati di fronte a questo flagello che dilaga, invece che diminuire", concludono dalla Fondazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I proprietari ormai anziani devono trasferirsi in paese e cercano una sistemazione per il pony. Ecco le informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Attualità