Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO12°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, sparatoria in una scuola a Kazan: gli spari e gli studenti in fuga dalla finestre

Attualità lunedì 23 ottobre 2017 ore 22:52

Ferrari: "Un protocollo per tutelare i passeggeri"

Passeggeri in attesa nella stazione marittima

Il sindaco di Portoferraio: "Porti impreparati a gestire l'emergenza, nonostante le assicurazioni fatte un anno fa dall'APPE"



PORTOFERRAIO — Arriva l'autunno e col maltempo si fermano i traghetti. Una costante, questa, che fa parte della condizione di insularità, ma che diventa decisamente troppo pesante quando a farne le spese sono centinaia di persone costrette a dormire - quando ci riescono - lontano da casa e a sconvolgere i propri programmi familiari e lavorativi.

Una condizione che si verificherà (proviamo ad azzardare senza statistiche alla mano) cinque, sei volte all'anno. Ma che ogni volta che si verifica - oltre ai disagi provocati -  fa scoppiare le solite, sterili polemiche. E puntualmente, anche quest'anno la prima ventolata/mareggiata d'autunno, ha riproposto il solito problema. 

"Mi metto nei panni di chi è rimasto ieri sera a Piombino e capisco la loro rabbia - ha commentato oggi il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari - e la prima cosa che mi viene in mente è che dobbiamo ringraziare, una volta tanto, Toremar e Moby, che si sono fatte carico di una responsabilità non loro ospitando a bordo le persone rimaste bloccate a Piombino, che se non altro hanno avuto un punto di riferimento e un minimo di conforto".

"Non posso dimenticare però - ha aggiunto Mario Ferrari - le assicurazioni che ricevemmo, poco più di un anno fa, in una situazione analoga, dall'allora commissario dell'Autorità Portuale di Piombino e dell'Elba Luciano Guerrieri. Si parlò allora (era il febbraio del 2016, ndr) di gestione dell'emergenza all'interno della stazione marittima, e di possibilità di attivare convenzioni con gli alberghi nel caso di dover riproteggere dei passeggeri rimasti isolati dall'una o dall'altra parte del Canale. Domenica sera - sottolinea Ferrari - nella stazione marittima non si sono viste nè forze dell'ordine nè personale dell'Autorità Portuale, e se non fosse stato per la compagnia di navigazione avremmo avuto centinaia di persone costrette a cercare da dormire chissà dove, a loro spese".

"Oggi la situazione è cambiata - ha aggiunto ancora il sindaco di Portoferraio - l'Autorità Portuale di Piombino e dell'Elba non esiste più, al suo posto c'è una Autorità di Sistema Portuale che si occupa dei porti di Livorno, Capraia, Piombino, Portoferraio, Rio Marina e Cavo, ma soprattutto abbiamo un interlocutore come il suo presidente, l'ingegner Stefano Corsini, che si è subito dimostrato attento e disponibile nei nostri confronti. Confidiamo in un suo pronto intervento per definire un protocollo da adottare in casi come quello di domenica scorsa, a tutela dei diritti dei nostri concittadini e con l'obiettivo di ridurre al minimo i disagi dell'insularità".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dopo le recenti vicende che mettono a rischio le compagnie del gruppo Onorato è lo stesso armatore ad intervenire per spiegare cosa sta accadendo
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità