Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:PORTOFERRAIO13°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanità, la classifica dei 250 migliori ospedali al mondo di Newsweek: Roma batte Milano

Attualità mercoledì 12 luglio 2023 ore 14:03

Un mandala di sabbia dei monaci tibetani

I monaci tibetani

Il pubblico potrà assistere alla sua realizzazione che si svolgerà presso la sala della Gran Guardia. Attiva una raccolta fondi



PORTOFERRAIO — Da oggi a domenica prossima turisti e residenti avranno l'opportunità di assistere a un evento insolito, suggestivo e molto particolare: la creazione di un mandala di sabbia ad opera di un gruppo di monaci buddisti tibetani provenienti dal monastero indiano di Sera Je. 

L’iniziativa è in programma a Portoferraio nella sala della Gran Guardia messa disposizione dall’amministrazione comunale e dalla Pro Loco di Portoferraio. Sarà possibile vedere i monaci all’opera tutti giorni dalle 18 alle 23, come spiega l'amministrazione comunale di Portoferraio in una nota.

Il Mandala rappresenta una delle più alte espressioni spirituali, oltreché artistiche, della tradizione buddhista ed è il risultato di un lungo e meticoloso lavoro da parte di monaci specializzati e autorizzati nello svolgimento di tale pratica. 

Si ritiene agisca anche come mezzo di purificazione e guarigione portando pace e armonia nel luogo in cui viene realizzato.

La sua creazione consiste nel realizzare un disegno di sofisticata bellezza, dalla valenza spirituale, seguendo linee precedentemente tracciate su una grande superficie geometrica, entro cui si inscrive una circonferenza. 

La pratica di costruzione di un Mandala è generalmente eseguita da un gruppo di monaci attraverso l’uso di cannucce d’acciaio, che con millimetrica precisione versano su una superficie di base finissima sabbie colorate, cui si aggiungono talvolta polveri di erbe e fiori o frammenti di pietre colorate.

I monaci lavorano alla composizione per più giorni di seguito e quando il mandala è completo, viene distrutto dai suoi stessi autori, per ricordare a tutti la natura transitoria della realtà e della nostra stessa vita. Un momento, quello della dissoluzione, molto emozionante e denso di significato che si svolgerà domenica 16 luglio alle 22. I monaci sono arrivati sull'isola per iniziativa dell’istituto di studi di buddhismo tibetano 'Ghe Pel Ling’.

L'iniziativa ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare al mantenimento delle strutture di alloggio e preghiera del monastero di Sera Je ed al sostentamento quotidiano dei monaci.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La presidente della Pubblica Assistenza Capoliveri spiega quanto accaduto sul porto di Piombino ad un mezzo con due pazienti oncologici a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca