Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:18 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
I capocannonieri della storia degli Europei - Il primato di CR7 e la classifica dei migliori marcatori azzurri

Attualità mercoledì 15 maggio 2024 ore 08:20

Spiagge e fondali puliti, il report di Legambiente

L'iniziativa ha riguardato la spiaggia delle Prade-Schiopparello grazie all'intervento dei volontari



PORTOFERRAIO — Domenica 12 Maggio i volontari organizzati da Legambiente Arcipelago Toscano si sono uniti alle migliaia di persone che in tutta Italia hanno aderito a “Spiagge e fondali puliti”, la storica campagna di Legambiente arrivata alla sua 31esima edizione.

I volontari dell’isola d'Elba, come spiega Legambiente in una nota, si sono impegnati nella pulizia della spiaggia e della fascia litorane della zona umida di Schiopparello – Le Prade a Portoferraio e, oltre alla rimozione di rifiuti, hanno realizzato un campionamento con il metodo Beach litter che ormai da molti anni coinvolge i cittadini nel campionamento scientifico dei rifiuti presenti sulle spiagge. 

Ne è venuto fuori che nel solo transetto di 100 metri lineari lungo la spiaggia lato ovest sono stati raccolti più di 400 pezzi di plastica – quasi sempre trasparente e da imballaggi – molta della quale microlplastica con relativamente poca macroplastica, e una moltitudine di rifiuti di altre tipologie, compresi i bastoncini per i cotton fioc di plastica che sembrano però in netta diminuzione dopo il divieto posto negli scorsi anni.

I sub di Legambiente hanno raccolto circa un sacco di rifiuti di fronte alla spiaggia, trovando tutto sommato una situazione migliorata rispetto alle iniziative di pulizia precedenti.


I risultati del campionamento, insieme a tutti gli altri fatti sulle spiagge del Mediterraneo, permetterà di avere un quadro più chiaro dell’inquinamento delle spiagge e permetterà di capire quali sono i rifiuti che più facilmente vengono dispersi nell’ambiente per poi provare a prevenire la dispersione agendo alla fonte. Inoltre questi monitoraggi permetteranno di capire se le misure prese in passato hanno avuto successo oppure se è necessario prendere altri provvedimenti.


Tra i rifiuti più strani recuperati durante la pulizia di Schiopparello c'è un vecchio tappeto ritrovato da un gruppo di volontari stranieri che ha partecipato all’iniziativa e il residuo di saponi per lavatrice aggregati in un ammasso simile a un sasso ma molto più leggero e friabile.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno