Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:27 METEO:PORTOFERRAIO13°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità mercoledì 21 agosto 2019 ore 21:30

"Ecco un'ottima sanità elbana"

Luciano Lunghi

Luciano Lunghi della segreteria Spi Cgil Elba racconta la sua scelta di subire un importante intervento chirurgico all'ospedale elbano



PORTOFERRAIO — Luciano Lunghi della segreteria dello Spi Cgil Elba interviene per raccontare la sua esperienza positiva a contatto diretto con la sanità dell'isola d'Elba e con l'ospedale di Portoferraio.

Qui di seguito pubblichiamo il racconto di quanto ha constatato in prima persone Luciano Lunghi.

"Quando in ospedale ti avvertono che devi subire un intervento chirurgico importante, subito pensi: 'Cosa sceglierò? Il nosocomio di Siena o quello di Pisa?'. L'operazione era urgente e invece ho deciso di restare nel nostro ospedale di Portoferraio. Una scelta azzeccata perché il chirurgo che mi ha operato ha confermato di essere un eccellente specialista e tutto è andato per il meglio. 

E quindi rivolgo un particolare ringraziamento al dottor Graziano Biondi, primario di chirurgia e ai suoi collaboratori. Di certo il reparto di chirurgia di San Rocco ha qualità professionale elevata ed esiste una buona dose di umanità, che fa sentire a proprio agio il paziente, in questo caso il sottoscritto. 

Abbiamo bisogno nel nostro ospedale di reparti di eccellenza, per il buon esito degli interventi, e tale fatto consente anche il risparmio in denaro, evitando di andare altrove. E non si cade neppure nel pesante disagio per i familiari, costretti a seguire il malato in continente. 

Quindi faccio appello alla regione Toscana affinché mantenga certi servizi essenziali, certamente efficaci e necessari in un'isola come la nostra, dove in estate i turisti vengono a migliaia. Ovviamente possono capitare infortuni o altri bisogni di assistenza sanitari e in questa fase si registra una sorta di assalto al pronto soccorso. Il personale purtroppo non viene aumentato e così si creano ovvie difficoltà per gli operatori e i pazienti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A ricostruire la vicenda è il sindacato di polizia penitenziaria Sappe che torna a chiedere più mezzi e personale in servizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica