Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:PORTOFERRAIO20°31°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden: «Oggi è un giorno triste, a rischio salute delle donne»

Attualità venerdì 04 marzo 2022 ore 07:15

Digiuno e preghiera per la guerra in Ucraina

L'iniziativa si è svolta mercoledì delle ceneri presso la parrocchia di San Giuseppe a Portoferraio per sostenere la pace nel Paese sotto attacco



PORTOFERRAIO — Anche la Parrocchia San Giuseppe di Portoferraio ha partecipato alla Giornata di digiuno e preghiera per la pace indetta da papa Francesco per il mercoledì delle Ceneri.

Dopo la Messa, celebrata dal parroco don Domenico, si è svolto il momento di preghiera organizzato dall'Azione cattolica parrocchiale. Introducendo la preghiera, la presidente diocesana dell'Azione cattolica, Manuela Montagnani, ha dato voce allo sgomento, al profondo dolore e alla forte preoccupazione che si sperimenta per quanto sta accadendo in Ucraina.

“Il nostro pensiero fraterno – ha detto - non può che correre al popolo Ucraino, a tutti quei bambini, quei giovani, quelle donne e quegli uomini che vedono minacciate le loro vite e quelle dei loro cari, violate le loro case, calpestata la loro nazione. A loro ci sentiamo uniti in special modo attraverso i fratelli di fede”.

Al centro della riflessione, il vangelo dell'amore dei nemici, perché tutti figli del Padre e fratelli fra noi. E poi le parole di Francesco: “Ogni guerra lascia il mondo peggiore di come lo ha trovato. La guerra è un fallimento della politica e dell’umanità, una resa vergognosa, una sconfitta di fronte alle forze del male. Non fermiamoci su discussioni teoriche, prendiamo contatto con le ferite, tocchiamo la carne di chi subisce i danni. Rivolgiamo lo sguardo a tanti civili massacrati come “danni collaterali”. Domandiamo alle vittime. Prestiamo attenzione ai profughi, a quanti hanno subito le radiazioni atomiche o gli attacchi chimici, alle donne che hanno perso i figli, ai bambini mutilati o privati della loro infanzia. Consideriamo la verità di queste vittime della violenza, guardiamo la realtà coi loro occhi e ascoltiamo i loro racconti col cuore aperto. Così potremo riconoscere l’abisso del male nel cuore della guerra e non ci turberà il fatto che ci trattino come ingenui perché abbiamo scelto la pace” (FT 261).

Nel corso della veglia, sono stati presentati due cartelloni realizzati dai bambini. Al termine, l'accensione di una candela a simboleggiare la fede e la pace. Poi, tutti in processione, con candele accese, sul sagrato della chiesa a testimoniare la fiducia nel Dio della Vita, invocando la pace e la conversione personale. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo aveva 91 anni ed era molto conosciuto per aver aperto il primo negozio di abbigliamento specializzato per bambini in città
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità