Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PORTOFERRAIO15°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Cronaca martedì 23 agosto 2016 ore 12:41

Beccata la banda della Golf grigia

La coppia di ladri, entrambi giovani e con precedenti, è stata fermata dai Carabinieri e segnalata alla Procura della Repubblica



PORTOFERRAIO — Non era certamente la prima volta che "visitavano" l’Elba. Ne sono convinti i Carabinieri della Compagnia di Portoferraio che stanno analizzando tutti gli elementi di riscontro a partire dalla famosa Volkswagen Golf grigia che aveva creato non poco allarme fra i cittadini dell’Elba per alcuni furti tentati ed altri messi a segno nell’ultima quindicina di luglio. 

Il tam tam fra i cittadini era partito da Facebook per poi espandersi anche grazie agli sms ed alle notizie condivise. Purtroppo non corrispondeva esattamente né la targa né le circostanze univoche delle segnalazioni per cui l’allarme stava prendendo una piega decisamente sbagliata ma i Carabinieri dell’Aliquota Operativa del Comando Compagnia di Portoferraio si erano già messi al lavoro immediatamente dopo la prima denuncia di furto.

La prima vittima era infatti una donna alla quale avevano spaccato il finestrino lato passeggero della propria Renault Twingo parcheggiata a Schiopparello, per sottrarre un portafogli che, a sua volta, custodiva una carta di credito grazie alla quale i ladri erano riusciti ad impossessarsi della somma in contanti di 750 euro e di diverso abbigliamento acquistato in un negozio di Porto Azzurro, per un valore di 1.050 euro. 

L’indomani un ulteriore colpo messo a segno dalla "coppia del bancomat" aveva fatto registrare un’altra vittima, questa volta a Lacona. In questa circostanza i ladri, approfittando dell’assenza mattutina dei proprietari che si erano recati al mare, si introdussero in una villetta forzando una persiana e una finestra della sala e, dopo aver messo a soqquadro tutta l’abitazione, si impossessarono di circa 700 euro in contanti, 3 carte di credito ed un bancomat. 

Questa volta, però, i codici non erano di facile portata quindi la coppia non riuscì a prelevare nulla e nemmeno ad acquistare presso negozi con l’utilizzo delle carte di credito poiché prontamente bloccate dalla titolare. 

I tentativi di prelievo però si sono dimostrati fatali per D.D. 24enne e A.C. 19enne, entrambi domiciliati presso il campo nomadi di Roma-Ciampino, entrambi con numerosissimi precedenti penali, tutti specifici.

Non è stato facile per i militari dell’aliquota operativa ricostruire tutti i singoli passaggi messi in atto dalla coppia specializzata in furti ma il lavoro certosino alla fine ha pagato permettendo l’esatta ricostruzione, passo dopo passo, dei movimenti della coppia, la loro certa identificazione e conseguente segnalazione alla Procura della Repubblica di Livorno per il reato di ricettazione in concorso ed utilizzo fraudolento di carte di pagamento con pene che possono raggiungere i tredici anni di reclusione e 12.000 euro di multa.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per il terzo giorno consecutivo sull'isola non sono stati rilevati nuovi contagi. Nuovo appello al rispetto delle regole per contrastare il virus
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità