Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO14°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Politica giovedì 11 marzo 2021 ore 11:00

Aree marine protette, "no al modello Capraia"

Paolo Di Tursi, consigliere comunale di "Forza del Fare"

Paolo Di Tursi, consigliere del gruppo di minoranza "Forza del Fare", contrario all'estensione dell'area marina protetta sul modello Capraia



PORTOFERRAIO — "Estensione a mare dei confini del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscana, sul modello dell’Isola di Capraia?" Un'ipotesi di modello che trova molto scettico Paolo Di Tursi, consigliere di minoranza del gruppo Forza del Fare nel Comune di Portoferraio.

"Martedì 9 Marzo - spiega Di Tursi - si è tenuta una videoconferenza organizzata dall’amministrazione di Portoferraio, alla quale hanno partecipato anche il presidente ed il direttore del Parco, i componenti di alcune Commissioni del Comune, capigruppo e consiglieri. Il tema che la Giunta ha voluto affrontare è quello della verifica dei presupposti per estendere a mare i confini del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano (intanto nel Comune di Portoferraio), sul modello realizzato all’Isola di Capraia nel 2016. Non si tratterebbe quindi di creare nuove zone di tutela biologica come allo Scoglietto, o un’area marina protetta, che viene istituita dal Ministro dell’Ambiente affidandone poi la gestione adenti pubblici, istituzioni scientifiche o associazioni ambientaliste".

"Il modello Capraia invece, estende direttamente a mare i confini del Parco, - aggiunge Di Tursi - che quindi lo gestisce con poteri analoghi a quelli “a terra”. Tale idea di Parco a mare, dovrà essere sottoposta al vaglio anche del Consiglio comunale, ma andrà prima di tutto verificata con estrema attenzione dai cittadini di Portoferraio, trattandosi di una parte vitale del nostro territorio. Portoferraio non è Capraia, che ha soltanto 400 abitanti e non è nemmeno lontanamente paragonabile alla nostra città ed alla nostra storia. Tutela ambientale sempre in primo piano, senza però che diventi un concreto ostacolo ad una completa fruizione delle spiagge e del mare, anche per la vocazione turistica di Portoferraio. Sono certo che la Giunta Zini non farà fatica a spiegare al più presto ai cittadini di Portoferraio quali siano le ragioni che hanno determinato tale iniziativa, senza aver preventivamente consultato in alcun modo i portoferraiesi".

"Meno male che la partecipazione dei cittadini era uno dei cavalli di battaglia elettorali della Giunta. - conclude Di Tursi  Non resteremo comunque a guardare, certo è che pur volendo salvaguardare la tutela del nostro mare, converrà abbandonare, e di corsa, il modello Capraia".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità