Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:20 METEO:PORTOFERRAIO10°13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, scontro Paragone-Sileri: «Siete degli incapaci», «Ma lo sai quanti sono i vaccinati? E allora perché parli?»

Cronaca sabato 26 dicembre 2015 ore 14:00

Accoltellamento in centro la notte di Natale

Una rissa precipita in accoltellamento: un portoferraiese ricoverato con il viso sfregiato e parte del naso asportato. Identificati gli aggressori



PORTOFERRAIO — Notte di Natale molto agitata nel centro storico di Portoferraio e sicuramente impegnativa per le forze dell'ordine. Tra le tre e le cinque della notte del 25 dicembre infatti un grave episodio ha letteralmente insanguinato il selciato di fronte al bar Sail Port.

Una zuffa fra Antonio Esposito, portoferraiese di 33 anni e un 36enne turco è finita infatti a coltellate, con l'italiano ricoverato d'urgenza al pronto soccorso con metà naso asportato e il viso gravemente sfregiato. Protagonisti del fatto anche un albanese e un marocchino, tutti e quattro identificati e per gli aggressori è già scattato il fermo amministrativo in attesa che arrivi l'autorizzazione alla custodia cautelare.

Il tutto sarebbe cominciato all'interno del locale con un diverbio fra Esposito e un albanese, i due hanno poi negato di conoscersi per poi cambiare versione di fronte alle domande degli agenti. La zuffa, durante la quale sarebbe sarebbe volato anche qualche pugno, è poi proseguita al di fuori del locale per diversi minuti prima di calmarsi, almeno apparentemente.

E' a questo punto che entra in scena l'accoltellatore: il turco sarebbe stato chiamato dall'amico albanese per riprendere la rissa solo che questa volta è apparso un coltello a serramanico con il quale l'aggressore ha asportato parte del viso all'italiano colpendolo più volte.

I due aggressori sono subito fuggiti lasciando l'italiano in un pozza di sangue. Con lui un amico marocchino, ma stranamente i due hanno chiamato i soccorsi dopo quasi un'ora. Immediatamente sono giunti sul posto i carabinieri della stazione di Portoferraio e dell'aliquota operativa che hanno raccolto le testimonianze degli aggrediti e dei testimoni registrando una certa reticenza, soprattutto nei primi. Esposito è stato subito trasportato al pronto soccorso dove è tutt'ora ricoverato in chirurgia con una prognosi di 15 giorni.

A quel punto è partita la caccia agli aggressori: l'albanese è stato trovato nella sua abitazione di Portoferraio mentre il turco, che risiede a Capoliveri, è stato trovato in un parcheggio addormentato nella propria auto. Durante la perquisizione è saltato fuori anche il coltello che si presume essere l'arma del delitto. Ambedue sono stati tratti in centrale per il fermo e nei prossimi giorni dovrebbe arrivare l'autorizzazione alla misura di custodia cautelare in carcere stante il pericolo di fuga.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS