QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 21°27° 
Domani 26°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 15 agosto 2018

Attualità mercoledì 25 aprile 2018 ore 06:42

Sanità, "affidiamola a professionisti del settore"

Maurizio Papi

La proposta del sindaco Papi: "Sono medico da quasi 40 anni, non capisco come colleghi si spingano a fare proposte. Basta con le diatribe interne"



PORTO AZZURRO — Maurizio Papi, sindaco di Porto Azzurro e medico di professione, interviene sulla questione del piano sanitario per l'isola d'Elba con un documento dato alla stampa poche ore prima della Conferenza dei Sindaci. Ecco di seguito la nota del sindaco longonese.

"Nonostante siano quasi 39 anni che lavoro nel campo della sanità, mi trovo in difficoltà, anzi in grande difficoltà, a dare suggerimenti e indicazioni specificatamente tecniche come già rappresentato in conferenza dei sindaci . Riconosco di non avervi competenza e conoscenza sufficiente per poter essere propositivo e onestamente non riesco a comprendere come molti altri colleghi sindaci si spingano a farlo ed a sostenere ipotesi alcune volte anche contrastanti fra di loro. Dal momento che si parla di sanità e quindi di un bene servizio prioritario su tutto credo che si debbano fare inevitabilmente alcune considerazioni propedeutiche.

La conferenza dei sindaci può proporre varie ipotesi ma non può disporre, cioè la decisione se accettare o meno spetta ad altri (si intenda assessorato regionale alla salute)

L’insularità e un’aggravante ovvia ed incontestabile.

Non si può pensare di economizzare quando si tratta della salute della gente; come già detto è un bene servizio assolutamente prioritario che riguarda indistintamente tutti.

C’è un’escursione quantitativa enorme fra l’utenza invernale e quella estiva.

Le richieste di salute sono notevolmente e giustamente aumentate in tutti i settori sanitari anche perché certe patologie e di conseguenza anche il loro timore si stanno incrementando.

Se prospera la medicina e la diagnostica privata (che tutto sommato dobbiamo ringraziare perché ci evita almeno disagi e spostamenti) in una realtà numericamente ristretta come quella albana vuol dire che c’è qualcosa che non funziona o non funziona come dovrebbe.

Fatte queste premesse veniamo al fatto pratico: un sindaco può valutare e capire se necessario nell’interesse della propria comunità costruire un ponte o aprire una nuova strada ma non potrà mai dico mai pensare di essere lui il progettista o il direttore dei lavori potrà esprimersi e dare parere alla presentazione del progetto dal punto di vista estetico e funzionale e se l’opera soddisfa o meno le esigenze per cui è stata ordinata, ma se volesse pontificare sulla statica, il calcestruzzo o la qualità del ferro utilizzate è certo che il ponte avrebbe delle grandi probabilità di crollo. In altre parole esistono delle società specializzate nella progettazione e ottimizzazione dei servizi sanitari che procedono in base alle situazioni oggettive della comunità e del bacino di utenza tenendo conto di tutti i fattori in gioco e dei suggerimenti degli amministratori: È questa la strada che la conferenza dei sindaci deve percorrere senza niente togliere alla buona volontà dichiarata di chi ha provato fino ad ora ma sembra con scarsi risultati.
Leggendo la stampa locale mi sembra di assistere al gioco chi più ne ha più ne metta.
Non dobbiamo in questo delicatissimo settore cercare dei riconoscimenti o medaglie sul campo dobbiamo garantire la salute e la vita della gente che c’è dato mandato di rappresentanza ed amministrarla. Quindi credo sia giusto il momento di dire basta a queste diatribe interne ed intercomunali e di affidarsi a professionisti del settore, a veri professionisti che ottimizzino le risorse di cui disponiamo e ci suggeriscano i servizi da offrire alla cittadinanza. A progettazione discussa e condivisa dalla conferenza dei sindaci e fatta conoscere alla popolazione sarà nostro dovere supremo farla accettare anche dagli organi sovraccomunali utilizzando tutti i mezzi che si riterranno più opportuni . Fino a quando non si intraprenderà questa strada il comune di Porto Azzurro non interverrà più alla conferenza dei sindaci sulla sanità. Tanto dovevo per chiarezza".

Maurizio Papi, Sindaco di Porto Azzurro 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità