Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:PORTOFERRAIO14°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Attualità lunedì 10 maggio 2021 ore 14:45

"Lo scempio della cava della Crocetta"

La Miniera dell'Eurit della Crocetta di Porto Azzurro finisce nel Rapporto Cave di Legambiente. Ecco come viene descritta la situazione



PORTO AZZURRO — Parla anche dell’Isola d’Elba il Rapporto Cave 2021 di Legambiente, realizzato con il contributo di Fassa Bortolo, presentato da Gabriele Nanni, ufficio Clima Legambiente, che sarà presentato oggi sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia, con la partecipazione di Paolo Fassa, presidente Fassa srl, Diego Carrara, direttore Acer Ferrara, Lorenzo Bellicini, direttore Cresme, Rossella Muroni, vicepresidente Commissione Ambiente della Camera, Laura D’Aprile, direttore DG Economia circolare del Ministero della Transizione ecologica, Paolo Barberi, presidente Anpar e FISE Unicircular, Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola, Piero Petrucco, vicepresidente Ance, con il coordinamento di Edoardo Zanchini, vicepresidente Legambiente.

Lo ha reso noto Legambiente Arcipelago toscano.

A pagina 73 del Rapporto Cave c'è anche uno spazio dedicato all'Isola d'Elba, ecco cosa viene scritto a proposito della cava in località La Crocetta, a Porto Azzurro:

"Lo scempio della miniera sull’Isola d’Elba

Clamoroso quanto successo nel Settembre scorso all’Isola d’Elba. Sono infatti iniziati i lavori per l’ampliamento della miniera Eurit della Crocetta, con la tecnica estremamente impattante del “mountain top removal”, ossia eliminando la cima di una montagna, in questo caso di enorme valore panoramico e paesaggistico. La distruzione della collina che sovrasta Lido di Capoliveri e Porto Azzurro, avrà un fortissimo impatto paesaggistico anche su Portoferraio e Capoliveri, tanto che era stata negata la valutazione di incidenza. 

Un escavo ed un ampliamento a cielo aperto che avviene mentre le ferite della miniera del Buraccio restano aperte in attesa di un vero ripristino ambientale. La rimozione della cima distruggerà anche parte della rete sentieristica, oltre a portare un pesantissimo impatto sull’ambiente, la biodiversità, l’assetto idrogeologico e le aziende agricole e turistiche dell’area".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel mirino della Guardia di finanza una serie di beni di proprietà e nella disponibilità di un commercialista. Sequestri anche sul territorio elbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Attualità