Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:02 METEO:PORTOFERRAIO12°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 16 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, retromarcia di Melandri: «La mia solo una battuta»

Attualità giovedì 12 dicembre 2019 ore 15:45

Festa dell'albero a Forte San Giacomo

Durante la Festa dell'albero al carcere di Porto Azzurro

L'iniziativa promossa da Legambiente si è svolta all'interno della Casa do reclusione di Porto Azzurro. Sono stati piantati tre giovani alberi



PORTO AZZURRO — Nella Casa di reclusione di Porto Azzurro si è svolta la Festa dell'albero, organizzata da Legambiente Arcipelago toscano con il contributo di direttore del carcere, polizia penitenziaria, area trattamentale e carabinieri forestali. Piantare un albero come atto di speranza verso il futuro, come simbolo di crescita e libertà, come assunzione di responsabilità personale e impegno attivo, verso se stessi e verso il mondo. Queste sono alcune delle tematiche che sono emerse in occasione della Festa dell’Albero che si è svolta lo scorso venerdì 6 dicembre all’interno della Casa di Reclusione di Porto Azzurro.

La Festa dell’Albero è una campagna di Legambiente che si svolge ogni anno in contemporanea in tutta Italia per celebrare gli alberi e il loro indispensabile contributo alla vita. Prevede la piantumazione di alberi quale gesto concreto per restituire alle comunità spazi vivibili e accoglienti e ricordare che senza gli alberi, i polmoni verdi del pianeta, non c’è futuro.

Alla presenza dei detenuti facenti parte del circolo Legambiente Arcipelago toscano, degli educatori ambientali volontari, del direttore del carcere dottor Francesco D’Anselmo con i Funzionari del Trattamento ed il personale dell’Area Sicurezza, del colonnello dei carabinieri forestali Marco Pezzotta e di altri detenuti e volontari che prestano opera volontaria nel progetto Il verde oltre le mura sostenuto dall’associazione Dialogo di Portoferraio per abbellire gli spazi comuni e della realizzazione e manutenzione degli orti, si è svolta una piccola cerimonia che ha avuto come fulcro la piantumazione di 3 giovani alberi nel giardino interno della sezione di reclusione, quello su cui si affacciano le camere di pernottamento.

In uno spazio scelto attentamente e nelle buche già predisposte sono stati messi a dimora un corbezzolo, arbusto tipico della macchia mediterranea, donato dai carabinieri forestali, un albero di limone nano, donato dall’Istituto “Cerboni” del quale è attiva una sezione all’interno dell’Istituto del corso di Agraria ed Agroindustria, e un cespuglio di callistemon, donato dal Circolo Legambiente Arcipelago Toscano.

Tra i rami delle giovani piante i detenuti hanno appeso dei cartoncini colorati che erano stati elaborati nel corso degli incontri settimanali con i volontari: alcuni contenevano delle riflessioni sul significato di questo momento speciale, altri degli auguri all’albero, alla natura e a se stessi, altri ancora dei desideri e delle speranze per il futuro, affidate alla crescita delle piante.

È stata letta un’ode di Giovanni Pascoli al corbezzolo, dal poeta ritenuto simbolo della bandiera italiana, per il portare contemporaneamente i frutti rossi, i fiori bianchi e le foglie verdi, che avviene proprio in questo periodo dell’anno:

O tu che, quando a un alito del cielo

i pruni e i bronchi aprono il boccio tutti,

tu no, già porti, dalla neve e il gelo

salvi, i tuoi frutti;

e ti dà gioia e ti dà forza al volo

verso la vita ciò che altrui le toglie,

ché metti i fiori quando ogni altro al suolo

getta le foglie;

i bianchi fiori metti quando rosse

hai già le bacche, e ricominci eterno,

quasi per gli altri ma per te non fosse

l’ozio del verno;

o verde albero italico, il tuo maggio

è nella bruma: s’anche tutto muora,

tu il giovanile gonfalon selvaggio

spieghi alla bora […]

Le autorità presenti sono state omaggiate con il libro “Verde Brillante” di S. Mancuso sull’intelligenza del mondo vegetale, donato dai detenuti al direttore del carcere, mentre i Carabinieri Forestali sono stati ringraziati con una targa a ricordo dell’evento progettata, realizzata e decorata dai detenuti nella falegnameria.

Infine un piccolo momento dolce, l’assaggio dei frutti di corbezzolo che giungono a maturazione proprio tra l’autunno e l’inverno: per qualcuno la scoperta di un gusto mai provato prima, per altri il ritrovo nostalgico di un sapore dell’infanzia.

Tra una foto ricordo e una stretta di mano, la cerimonia si è avviata a conclusione. La cura degli alberi è ora nelle mani di una parte dei detenuti, i quali già si occupano in modo eccellente della manutenzione del verde all’interno delle mura.

"Un ringraziamento - spiegano gli organizzatori - va a loro e ai detenuti soci Legambiente Arcipelago toscano, ai volontari, al direttore del carcere, alla Polizia Penitenziaria, all’area trattamentale ed ai carabinieri forestali. Il contributo e la partecipazione di tutti sono stati preziosi e hanno dato ancora maggiore rilevanza alla piantumazione in occasione della Festa dell’Albero, sia come gesto concreto che come significato simbolico. Questi nuovi alberi, da oggi a dimora tra le sbarre, possano ricordarci che con le giuste cure la crescita di ognuno di noi è possibile e che può dare buonissimi frutti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta del Rendez vous, un locale molto apprezzato al Mercato Centrale di Milano e che promuove l'Elba con menu con piatti tipici dell'isola
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità