Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:15 METEO:PORTOFERRAIO23°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 23 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nicola Tanturli, il momento in cui il bimbo viene portato in salvo dai carabinieri

Politica mercoledì 12 maggio 2021 ore 15:10

Cava della Crocetta, "la Regione fermi lo scempio"

La richiesta arriva da Sinistra Italiana e chiede alla giunta regionale guidata da Giani di revocare il permesso per l'ampliamento della cava



PORTO AZZURRO — Dopo che la cava in località La Crocetta, nel territorio di Porto Azzurro, è entrata anche nel report nazionale di Legambiente, che ne ha definito l'ampliamento "uno scempio" (vedi articoli correlati sotto), sulla questione intervengono anche Sinistra Italiana Toscana e Sinistra Italiana Elba.

"Facciamo nostra la denuncia di chi vive vicino ai luoghi di uno scempio annunciato come quello che sta avvenendo all’Isola d’Elba presso la cava in località Crocetta, - si legge nella nota - dove grazie al rilascio di una concessione mineraria da parte della Regione Toscana si sta per distruggere una intera collina non lontana dal mare e con essa un patrimonio comune di inestimabile valore ambientale e culturale".

"Non sono bastate le voci delle associazioni ambientaliste e di singoli cittadini a difesa e tutela del valore materiale di questo territorio, - prosegue la nota - né hanno avuto alcun riscontro fino ad oggi le poche voci levatesi dalla Politica e dalle Amministrazioni pubbliche al fine di arrestare un’operazione di vera e propria 'rapina al bene comune', capace di produrre fatturati intorno ai 400 milioni di euro a fronte di appena 8 posti di lavoro, che dovranno comunque essere tutelati, con un bilancio costi/benefici a segno meno per la collettività e a solo uso e profitto del gruppo Eurit/Bitossi che detiene la preziosa concessione".

"Questa vicenda - prosegue la nota - si inserisce in un quadro fortemente deteriorato nella Regione Toscana in cui il Bene Comune sembra doversi inchinare di fronte ad appetiti sempre più famelici ed insensibili, irrispettosi della legge e dai tratti sempre più criminali. Noi di Sinistra Italiana non ci stiamo a subire questo ennesimo reato ambientale e per questo chiediamo alla traballante Giunta Giani di intervenire per revocare questa assurda concessione e di arrestare un disastro ambientale, le cui conseguenze e responsabilità ricadrebbero sulle sue fragili spalle".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Sequenza numerica utilizzata come simbolo di odio verso le forze dell’ordine". Individuati grazie alla videosorveglianza gli autori del gesto.
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni