Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:40 METEO:PORTOFERRAIO22°27°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il caso Viganò è lo scisma populista (e complottista) del XXI secolo?
Il caso Viganò è lo scisma populista (e complottista) del XXI secolo?

Attualità lunedì 27 novembre 2017 ore 09:15

Nonna Adua e la storia della statua di Marx

Nonna Adua Marinari

Il ricordo di Danilo Alessi attraverso un passaggio del suo libro "Le fatiche della politica" ci racconta la singolare storia di una statua



RIO MARINA — In ricordo di Adua Marinari ci giunge una nota di Danilo Alessi, nella sua veste di scrittore ormai affermato,oltre che di cultore di cose "riesi".

"La scomparsa di Nonna Adua - scrive Alessi -  alla quale ero legato da antica amicizia, mi rattrista e mi riporta ad altri tempi dove altre cose ed altri simboli avevano un'importanza oggi dimenticata. Pensare di installare un monumentale busto bronzeo raffigurante il padre del materialismo storico e autore del "Manifesto" all'ingresso del proprio ristorante, oggi farebbe sorridere se non peggio. Per Adua e suo marito allora non era così e per anni la scultura con l'immagine di Carlo Marx troneggiò nel loro ristorante di Rio Marina. Quella che segue è una breve nota, estratta dal mio libro, "La Fatica della Politica" , dove, sia pure in termini romanzati, riporto alla luce quella singolare storia".

“La casa la trovai per puro caso, incontrando un giorno una vecchia compagna che allora l’abitava con la figlia e i nipoti come badante di una persona anziana da tempo ammalata che di a poco morì. A quel punto il proprietario ne rivendicò giustamente il possesso imponendole di liberarla al più presto. Fu così che entrai in scena io, anche se ciò mi costrinse ad acquistare un massiccio busto di Marx che Nonna Adua, come si faceva chiamare, aveva ereditato alla chiusura del ristorante che per anni aveva gestito a Rio Marina”:

“Marx? E che c’entra Marx”, chiese incuriosita Francesca.

“Beh, a dire il vero io non ero per nulla interessato e tanto meno entusiasta ad avere in casa un ‘ospite’ così ingombrante, una specie di monumento alto più di un metro e pesante non so quanti chili di bronzo fuso. Ma quelle erano le condizioni e ad esse, mio malgrado, dovetti sottostare. In quanto alla storia del busto fu la stessa Adua a raccontarmela. Le cose erano andate così. Fu nel periodo del ristorante, di cui era cuoca e comproprietaria con il marito, che conobbe due clienti tedeschi, lei pittrice e lui scultore, pare abbastanza famoso, disse, anche se a me il suo nome, Gottfried, risultava del tutto sconosciuto. Questo Gottfried, su richiesta dei coniugi ristoratori e al modico prezzo di un milione e duecentomila lire, oltre a duecentoquaranta pasti gratis ciascuno, realizzò questa ‘maestosa’ opera bronzea che per anni fu collocata all’ingresso del ristorante”.

“Addirittura? Sarà stata anche un’opera d’arte, ma io con quel busto lì all’ingresso non ci sarei mai entrata”, commentò ironicamente Francesca, “e poi cosa è successo, che fine ha fatto il busto?”.

“In un primo tempo Adua mi chiese di farlo acquistare dal Partito, anche se presto si rese conto che non era proprio il caso dopo che la svolta della Bolognina aveva fatto piazza pulita di tutto ciò che per anni era stata la rituale galleria di immagini affisse alle pareti o esposte in plastici bassorilievi su mensole o scrivanie delle sezioni comuniste. Le consigliai di provare con i compagni di Rifondazione, ma anche loro, così mi disse ancor più delusa e amareggiata, declinarono cortesemente l’offerta, affermando che di quel busto non sapevano cosa farne. Orfano di partito e comunque sempre in vendita come condizione preliminare per un’uscita senza ulteriori complicazioni e perdite di tempo, Marx tornò alla casella di partenza e per questo, come ti ho già detto, dovetti acquistarlo alla somma trattata e pattuita di trecentomila lire in contanti”.

“Si, bell’affare! Chissà che goduria un tale monumento in casa! Questo l’ho capito; quello che ancora non ho capito è dove l’hai messo, cosa ne hai fatto!”.

“Semplice, l’ho restituito gratis a chi me l’aveva venduto, perché a Nonna Adua interessava certamente il denaro, ma al suo Carlo Marx, sia pure invadente e austero, era affezionata. Solo il bisogno e la necessità di disporre di una somma sufficiente a trovare un altro alloggio l’avevano indotta a rinunciarvi. Ed è stato bene che sia tornato dov’era, perché forse solo con lei il buon Marx si sentita apprezzato e protetto in un mondo sempre meno incline alle ideologie e con una sinistra in evidente crisi d’identità”

(da “La Fatica della Politica”, Persephone Edizioni, 2015) 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questa la causa più probabile del forte boato avvertito in modo forte all'Elba ma anche sulla costa toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Politica

Attualità