QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°23° 
Domani 23°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 18 settembre 2019

Attualità lunedì 06 agosto 2018 ore 17:05

Artisti di strada, Bolano si arrabbia

L'opera di Bolano circondata dai graffiti

Una decorazione murale sull'edificio della scuola ed intorno all'opera dedicata a Teseo Tesei fa infuriare l'artista elbano: "La porto via"



MARINA DI CAMPO — "Ma perché sciupare l’armonia di una strada che ha un sua identità bella e nata con una certa armonia per segnare il centro storico del Paese?" L'artista elbano Italo Bolano protesta per la realizzazione di alcune opere di pittura murale sull'edificio delle scuole elementari di Marina di Campo, pare autorizzate dalla amministrazione comunale.

"Ci sono il Comune, la chiesa di San Gaetano e la Scuola dedicata appunto a Teseo Tesei - dice Bolano in una sua infuocata lettera - da pittori di strada è stata pitturata fin quasi al tetto ed è anche stata aggredita la mia opera dedicata a Teseo Tesei, una struttura in acciaio con figure simboliche riguardanti il mezzo di assalto dell’eroe elbano che, con un siluro detto “maiale” faceva saltare grosse navi nemiche. Al centro dell’alto rilievo il ritratto di Teseo.

L’opera fa parte del “Museo diffuso dell’Isola d’Elba” – vedi volume edito da G. Mondadori – 2013.
Opera d’arte o no si deve rispettare la scuola e il simbolo di uno degli eroi più famosi del mondo per quanto riguarda la marineria.
Il centro storico non è la stazione con muri abbandonati dove vengono fatte queste pitture.
In casi eccezionali su particolari progetti di famosi artisti possono essere concessi anche spazi nelle città (vedi Pisa), altrimenti si cerca di valorizzare zone da rivalutare o addirittura paesi interi, sempre su ben precisi progetti programmati, come è successo per me a Etroubles, ai piedi del Gran San Bernardo, ad Albissola superiore o a Luicciana (Prato) dove vi sono veri e propri musei all’aperto con opere realizzate sui muri delle case e quindi ora divenuti poli di attrazione turistica e culturale.
Io  non avevo mai visto cose del genere avendo studiato in particolare il rapporto arte-città a Gerusalemme, Barcellona, Parigi e New York.
Forse si poteva fare un intervento decorativo del genere sulla retrostante scuola media dove la facciata si sarebbe prestata. Secondo me i giovani, aspiranti artisti dovrebbero avere la consapevolezza di acquisire una minima cultura prima di intervenire in contesti pubblici già strutturati.
Qualcuno di questi pittori – dice ancora Bolano – avrebbe voluto giustificarsi sostenendo addirittura che quel lavoro avrebbe “valorizzato” l’opera; no comment".
Bolano -come lui stesso ci ha scritto -  aveva dato loro la possibilità di reimbiancare almeno una parte della scuola e precisamente lo spazio che occupa l’opera dal basso all’alto e sarebbe opportuno anche i due spazi rimanenti fino all’angolo destro guardando la facciata, previa accordi con l’amministrazione e con Bolano stesso, entro due o tre giorni.
Non essendo stato fatto Bolano dice che, nel breve giro di giorni verrà a riprendersi la sua opera che, per altro, fu donata a Marina di Campo.
"Ho educato all’arte e con l’arte migliaia e migliaia di allievi - conclude Italo Bolano -  ma nessuno di questi avrebbe fatto una cosa del genere.
Sono dispiaciuto di togliere il Teseo Tesei alla cittadinanza".



Tag

Venezia, barca si schianta contro una diga: 3 morti e un ferito

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica