QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 22 febbraio 2019

Attualità mercoledì 05 settembre 2018 ore 09:12

Un festival multimediale dedicato a Jose Abreu

Anna Bulgaresi con Jose Abreu

​Giovedì 6 settembre alla Fortezza Pisana arriva “Alta Marea - Marciana Multimedia Festival, in memoria del musicista elbano inventore de "El sistema"



MARCIANA — Giovedì 6 settembre alla Fortezza Pisana a Marciana arriva “Alta Marea- Marciana Multimedia Festival”, una rassegna di opere prodotte da giovani artisti internazionali , nell’ambito delle attività del Dipartimento Nuove Tecnologie e Linguaggi Musicali del Conservatorio di Musica “L. Cherubini” di Firenze. La manifestazione vede la direzione artistica di Antonio Belfiore e quella musicale di Jacopo Paolini , che coordina il progetto. Marciana Multimedia Festival voluto dall’amministrazione marcianese, è parte degli eventi culturali della rassegna Marciana Borgo d’Arte, e nasce come tributo alla figura del grande maestro Jose Antonio Abreu Anselmi, recentemente scomparso, le cui origini sono proprio di Marciana. Anna Bulgaresi, che nel 2014 gli ha assegnato la cittadinanza onoraria di Marciana, ha voluto dedicargli questo omaggio proprio per l’importanza che la cultura artistica e musicale in particolare, ha per lo sviluppo delle nuove generazioni. 

“Nel 2006 - commenta il sindaco di Marciana, Anna Bulgaresi - quando è stato insignito con il Premio Unicef - Dalla parte dei bambini, per aver dedicato tutta la sua vita alla tutela dell'infanzia e dell'adolescenza e per essersi distinto nelle attività di recupero, attraverso la musica, di ragazzi in situazioni di grave disagio, con grande semplicità, Antonio Abreu ha spiegato che suonare in un’orchestra è molto più che studiare la musica. Significa entrare in una comunità, in un gruppo che si riconosce come interdipendente per perseguire insieme uno scopo, ecco perché cambia la vita”

Una lezione che ha appreso da suo nonno, un elbano doc di Marciana che emigrò in Venezuela insieme con la moglie Duilia Garbati nel 1897. Antonio Anselmi Berti dirigeva all'epoca una banda musicale elbana. Niente di strano che portasse con sé al di là dell'Atlantico anche 46 strumenti a fiato. Gli elbani, una volta in Venezuela, si stabilirono nello stato di Trujillo e furono (nel 1898) la prima colonia di immigrati italiani a Monte Carmelo. Tutti elbani. Tutti orchestrali che si guadagnarono da vivere occupandosi d'agricoltura, d'allevamento del bestiame e di vari tipi di artigianato. La musica sarà la passione che accomunerà nonno e nipote. E rivestirà un ruolo sociale di primissima importanza. La musica dunque rinsaldava il legame degli Italiani in Venezuela con la propria terra d'origine. Questa nazione, grazie ad Antonio Abreu vanta un sistema orchestrale dal quale si può solo imparare. Nel progetto sono coinvolti qualcosa come 240mila giovani. Qui la musica ha una valenza sociale fortissima, che non ha riscontri in nessun altro paese. Tutto questo è stato possibile grazie ad Antonio Abreu che ha creato dal nulla El Sistema, un metodo educativo che insegna la musica ai bambini dei barrios, strappandoli alla violenza, al crimine, alla povertà. E regalando loro una nuova vita: lo strumento. 

Abbiamo deciso  -  ha concluso Anna Bulgaresi - di dedicare un festival multimediale ad Abreu, scomparso a marzo di quest’anno perché la musica oggi, soprattutto nel modo occidentale, non è solo suonare uno strumento ma è anche sperimentare nuove tecnologie elettroniche ed informatiche applicate alla composizione musicale, sconfinando anche in contesti più estesi, abbracciando varie forme di espressione artistica come la poesia, il teatro, la danza e l'immagine elettronica”.  

Alta Marea è un cantiere per nuovi linguaggi artistici, che si sviluppa tra poesia e tecnologia creando uno spazio dove, nuovi strumenti, nuovi scenari e profonde emozioni interiori si incontrano e si fondono avvolgendo non solo gli artisti ma anche gli spettatori. In questa edizione una rete di sequenze musicali, visive, mimiche e luminose stimoleranno le possibilità immaginative degli spettatori e degli artisti coinvolti e saranno utilizzate nuove e sofisticate tecnologie per nuove sperimentazioni con particolare cura all'interazione e interpolazione dei singoli elementi.

Il progetto ha il preciso obiettivo di contribuire a veicolare l’arte contemporanea, anche con il supporto di incontri con gli autori, cercando di entrare in contatto con la realtà su cui interviene apportando un prezioso contributo. Altro scopo di questo evento culturale è stabilire un confronto tra il patrimonio culturale musicale e le arti in tutte le declinazioni possibili e favorire un dialogo tra identità locali e internazionali, tra eccellenze culturali e sperimentazioni dei linguaggi dell’arte contemporanea.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Attualità