Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:09 METEO:PORTOFERRAIO18°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Depardieu si alza per andare da Barillari in un video esclusivo di Adnkronos

Politica martedì 18 luglio 2023 ore 15:02

Nuovi bagni, la replica dell'amministrazione

Dopo le esternazioni del gruppo "Per Marciana Marina", l'amministrazione a guida Allori ripercorre tutto l'iter autorizzativo



MARCIANA MARINA — "Dopo aver letto le considerazioni della minoranza occorre necessariamente replicare. Il manufatto del Circolo della Vela si trova lì dal lontano 1988. La concessione di tale struttura fu rilasciata dall’allora sindaco Pasquale Berti, della cui Amministrazione Flavio Mazzei era assessore, ci pare strano che oggi non se ne ricordi".

Si apre così la replica dell'amministrazione comunale di Marciana Marina al gruppo di minoranza consiliare "Per Marciana Marina" riguardo ai bagni del Circolo della Vela.

"In ogni caso il manufatto in questione fu inizialmente autorizzato in via provvisoria per un’importante manifestazione sportiva e più precisamente un Campionato Mondiale di Vela al quale parteciparono illustri personaggi tra i quali il Re di Spagna Juan Carlos, della cui partecipazione qualcuno si è compiaciuto e vantato a lungo. - spiega l'amministrazione comunale - Successivamente la presenza del box monoblocco fu regolarizzata dal Comune con la richiesta del pagamento del relativo suolo pubblico che l’Associazione paga regolarmente da oltre 30 anni, a riprova del fatto che era autorizzata.L’ambito in cui insiste il box era stato oggetto di esproprio d’urgenza attivato dall’Amministrazione Berti e mai definito, come una serie di altri espropri che hanno generato contenziosi costati alle casse Comunali parecchie centinaia di milioni di lire e pagati durante i mandati dei vari Sindaci che si sono succeduti nel tempo".

"Tutto questo - prosegue l'amministrazione comunale - per arrivare ad oggi e chiarire che questa Amministrazione ha finalmente definito la procedura di esproprio mediante acquisizione sanante a norma di legge. Il contenzioso in essere proposto dai privati è riferito alla sola indennità di espropriazione che il Consiglio Comunale ha già deliberato sulla base di una perizia tecnico estimativa, partita dal presupposto che all’epoca il valore dell’esproprio era irrisorio, tanto che ci si chiede quale sia stato al tempo l’ostacolo che non ha consentito il pagamento di detta indennità. Rammentiamo inoltre che la strada è stata riqualificata sulla base di un progetto esistente ed esecutivo della precedente amministrazione e la “bitumata da cima a fondo” come definita dalla minoranza ha fatto si che la strada sia stata resa finalmente fruibile e sicura. Non ci dimentichiamo che ad ogni passaggio di auto schizzavano i sassi con potenziale pericolo per la pubblica incolumità’, era impossibile percorrerla con passeggini e carrozzelle e a piedi erano necessarie le scarpe da trekking; queste non sono nostre considerazioni o battute di spirito, ma il sunto delle numerose segnalazioni e lamentele dei cittadini che la definivano una strada inutile".

"Allo stato il box che ha sostituito il “brutto magazzino” ha tutte le autorizzazioni previste compresa quella della Soprintendenza, fermo restando che è collocato in un’area interna, non immediatamente visibile dal lungomare. Questo per sottolineare che la procedura seguita è un atto gestionale che non ha niente a che vedere con eventuali ingerenze politiche dettate da simpatie o antipatie del momento. L’utilizzo della struttura garantisce il miglioramento dei servizi del Circolo della Vela e dell’ambito portuale in generale, ed è evidente come l’attività di questa associazione porti indubbi benefici al nostro territorio, dal punto di vista delle presenze turistiche nonché da quello occupazionale, senza polemizzare con paragoni che non hanno motivo di esistere tra le diverse associazioni. Francamente non accettiamo la “paternità” di questo che la minoranza definisce precedente, come peraltro quello delle tanto discusse pedane, di cui ricordiamo che la prima sul lungomare fu concessa proprio dall’Amministrazione Berti. Per concludere è opportuno precisare che la direttiva europea Bolkenstein coinvolgerà tutte le concessioni demaniali, nessuna esclusa, e non potremo fare altro che prenderne atto e adeguarci di conseguenza", conclude l'amministrazione comunale di Marciana Marina.




Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Persona conosciuta anche in tutta l'isola aveva un legale particolare col paese di Marciana Marina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Attualità

Attualità

Attualità