Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:55 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità mercoledì 22 marzo 2023 ore 10:42

Aeroporto, "opportunità di crescita per l'Elba"

Il Consorzio di Capo Sant’Andrea è favorevole all'ampliamento dell'aeroporto elbano e spiega le sue motivazioni a sostegno



MARCIANA — La discussione sul futuro dell'aeroporto di Marina di Campo sta coinvolgendo direttamente gli operatori economici locali e a questo proposito anche il Consorzio di Capo Sant’Andrea interviene per esprimere il suo punto di vista.

"Il Consorzio Capo Sant’Andrea, che opera con l’obiettivo di valorizzare il prodotto turistico ma anche di ottimizzare la vivibilità del territorio, - si legge in una nota - condivide le motivazioni che spingono diversi sindaci, amministrazioni e autorità locali a promuovere e sostenere il progetto di ampliamento dell’attuale pista di decollo e atterraggio dell’aeroporto di Marina di Campo. Una struttura che indubbiamente possiede grande valore per la comunità dell’Isola e dell’Arcipelago Toscano, trattandosi dell’unica via di accesso aereo, fruibile sia dai residenti sia dai viaggiatori".


"Nel 2015 - proseguono dal Consorzio turistico, citando lo studio di prefattibilità fatto realizzare da Alatoscana - circa 21.000 passeggeri hanno utilizzato l’aeroporto, di questi più del 70% - di provenienza straniera - ha impiegato voli di linea operati da piccole Compagnie, attraverso aerei di modesta capacità (32 - 50 posti). Nel periodo successivo queste Compagnie hanno cessato la loro operatività sullo scalo elbano poiché le logiche commerciali hanno reso insostenibili voli di linea caratterizzati da così pochi passeggeri per singolo volo. Attualmente, l’Elba è collegata attraverso un piccolo aeroplano da soli 15 posti. L’ampliamento della pista, non solo permetterebbe l’accessibilità ad aeromobili con maggiore capacità - che contestualmente contribuirebbero a una buona parte di sostenibilità economica all'aeroporto stesso - ma anche il cruciale ampliamento dell’inter-mobilità nonché della continuità territoriale dell’Isola. L’aeroporto diverrebbe così una vera e propria infrastruttura strategica per lo sviluppo turistico, economico e sociale di tutta la località".

"L'attuale aeroporto dell'Elba - si legge ancora nel documento di presentazione dello studio di prefattibilità di Alatoscana - non è adatto alle tipologie di aeromobili oggi comunemente utilizzate per collegamenti che vedono nell'ATR 72 l'aeromobile minimo di riferimento. La tutela della massima sicurezza aerea ne imporrebbe un utilizzo limitato e finalizzato ad alleggerire il peso complessivo dell'aeromobile, che non sarebbe quindi in grado di accogliere tutti i 70 passeggeri. D’altra parte l’ottimizzazione dell’infrastruttura di volo consentirebbe di tornare a servire alcune le destinazioni strategiche, di creare nuove opportunità commerciali per collegamenti nazionali ed internazionali e di preservare l’interesse pubblico al sostentamento economico dell’aeroporto. A questo scopo, nel 2019 è stato avviato un primo studio di fattibilità con la collaborazione del Politecnico di Milano che ha evidenziato l’effettiva possibilità di garantire il regolare esercizio di velivoli da 70 posti, realizzando minime azioni infrastrutturali necessarie per preservare l’accessibilità all’isola con voli di linea nazionali e internazionali. Opzioni che, inoltre, risultano essere sostenibili sia dal punto di vista ambientale, sia da quello economico e commerciale. Inoltre, la possibilità di avere l’ATR 72 – tra gli aerei passeggeri e cargo più diffusi al mondo - alimentato ad idrogeno sta diventando realtà. Lo dimostra il recente volo di 15 minuti e 3500 metri realizzato dall’azienda Universal Hydrogen e operato attraverso un aeromobile di questo tipo riconvertito con celle a combustibile anziché con i tradizionali turbopropulsori a reazione: il primo test di un programma biennale che culminerà con l'introduzione del servizio commerciale nel 2025".

"La proposta di modifica consiste nell'allungamento di due aree di sicurezza situate alle due estremità della pista, per una lunghezza complessiva di circa 300 metri, in modo da fornire adeguati spazi per permettere maggiore corsa di decollo e, conseguentemente, di sicurezza e frenata anche in presenza di vento, consentendo all'aeroporto di operare regolarmente ed evitando disservizi. L’ottimizzazione non contempla la necessità modificare i piani di rischio aeroportuale o ulteriori limitazioni territoriali di carattere urbanistico ed edificatorio. La creazione di adeguate aree di sicurezza richiede, invece, opportune opere di inserimento territoriale, con deviazione di alcuni elementi naturali e artificiali. La spesa complessiva necessaria aveva stimato, nel 2019, un impegno economico di circa 18 milioni di euro e sarà meglio definita in seguito allo sviluppo del progetto e tenendo conto sia delle opere aeroportuali, sia di quelle di inserimento ambientale e territoriale. In realtà, lo scenario di riferimento prevede un numero contenuto di movimenti di aeromobili (500-600 all'anno), che però possono essere ricondotti a flussi di passeggeri pari a circa 30-40.000 all'anno. L'obiettivo del progetto di ottimizzazione aeroportuale è quello di dotare l'Elba di una struttura efficace, sicura, moderna e sostenibile, al passo con le nuove logiche di mercato e interconnessa con altre destinazioni europee e mediterranee così come con gli aeroporti nazionali.
In passato sono già state eseguite alcune simulazioni con il coinvolgimento di velivoli di maggior capienza, come dimostra il video del volo dimostrativo, ovvero con solo equipaggio, di un ATR72-600, con avvicinamento e atterraggio completo sulla pista 16 dell’aeroporto di Marina di Campo, che con gli attuali limiti di pista non è possibile intraprendere su base regolare". - si conclude la nota - Un assaggio del volo del futuro ora auspicato dal Consorzio Capo Sant’Andrea e da molteplici associazioni e istituzioni dell’Isola d’Elba".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ruggero Barbetti, già sindaco e vicesindaco di Capoliveri, interviene per fare chiarezza sulle vicende giudiziarie in corso sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità