QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 16°17° 
Domani 17°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 27 maggio 2019

Attualità sabato 20 dicembre 2014 ore 10:59

Le richieste dei Cer per l'ospedale

I Comitati bocciano la proposta di integrazione con Cecina e Piombino con equipe specialistiche a rotazione: "Abbiamo bisogno di personale sull'isola"



PORTOFERRAIO — "I Comitati Elbani Riuniti pro Sanità hanno sempre lavorato in questi anni al fianco delle istituzioni, studiando e approfondendo documenti regionali, nazionali, europei e cercando di essere propositivi. 

1) Elba è un’isola e di conseguenza rientra a pieno titolo nell’ambito della legge nazionale di riferimento attuale che è il Decreto Balduzzi. Nel decreto viene posta attenzione alle zone disagiate in particolare insulari e montane, per le quali valgono criteri diversi rispetto ai parametri vigenti sul continente. 

2) E’ imperativo sollecitare la Regione Toscana a riconsiderare una qualificazione di livello superiore dell’Ospedale di Portoferraio, unico ospedale dell’isola. Lo standard minimo delle funzioni operative da garantire: Pronto Soccorso con Breve Osservazione; Medicina interna, Chirurgia generale, Cardiologia h/24, Anestesia e Rianimazione h/24; Ortopedia e Traumatologia, Ostetricia e Ginecologia, Neonatologia e Pediatria, il punto nascita almeno di I livello, S.T.E.N.(trasporto d’emergenza neonatale), Oncologia secondo la programmazione regionale, Terapia sub-intensiva multidisciplinare, Radiologia, Laboratorio, Immuno-trasfusionale, Centro di Emodialisi, funzione di Endoscopia digestiva h12, Riabilitazione con letti codice 56 secondo la programmazione aziendale. Servizio di Iperbarica. Ambulatori specialistici. 

L'isola d'Elba deve avere l’autonomia che consente di poter affrontare l'emergenza-urgenza anche nel caso in cui non ci sia la possibilità di contatto con il continente causa avversità meteo. Di conseguenza è indispensabile che parte delle equipe sia stanziale poiché, per cause avverse meteo, si può verificare l'impossibilità degli specialisti a raggiungere dal continente l'Elba, causando grave disservizio all'utenza. 

3) I servizi devono essere presenti in Ospedale e potenziati sul territorio dell’Elba! Costruire modelli basati su continue migrazioni giornaliere da e per l’Elba non garantisce un buon livello di prestazioni sull’Isola. Inoltre abbiamo fondati timori che il personale medico e infermieristico destinato all’Elba possa essere “dirottato” sul continente per coprire posti vacanti; così pure la mancata sostituzione di personale medico e infermieristico in pensionamento porterà ad un impoverimento progressivo della nostra realtà insulare. 

Essere in rete significa collaborare, integrare dati, conoscenze, abilità professionali con i centri con cui si è collegati. Ma il “gioco dei tre cantoni” Cecina – Piombino – Elba con la “creazione di uniche equipe di medici specialisti dei 3 Presidi Cecina-Piombino-Elba” (recentemente proposto) non porterà alcun beneficio all’Isola poiché in questo contesto l’Elba avrà un rapporto di dipendenza e subordinazione al continente, con peggioramento dei servizi". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica