QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 25°29° 
Domani 24°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 17 agosto 2019

Attualità martedì 18 novembre 2014 ore 16:10

L'Autorità Portuale risponde: "Nessun rifiuto"

In un'articolata risposta l'Appe ricostruisce la vicenda delle corse negate a Blunavy per il periodo invernale. "Nessuna chiusura per l'inverno"



PORTOFERRAIO — La risposta a Blunavy arriva direttamente dal commissario straordinario Luciano Guerrieri che rimanda al mittente l'accusa di favorire il monopolio invernale sulle tratte marittime e svela: "La proposta della compagnia era di poter effettuare le corse invernali solo con gli aumenti di quelle estive, cosa non possibile per motivi di sicurezza".

"La versione della Compagnia Blu Navy è “politicamente scorretta” e la risposta dell’Autorità Portuale è stata “troppo burocratica”. Così il quadro informativo risulta insufficiente e fuorviante non per colpa degli organi di informazione. Riteniamo pertanto opportuno in attesa delle decisioni finali da assumere dopo il completamento della procedura e dopo il parere del Comitato Portuale chiarire i seguenti punti:

1. Da circa tre anni è vigente la nuova regolamentazione approvata dall’Autorità Portuale a seguito del provvedimento dell’AGCM assunto con l’acquisizione di Toremar da parte di Moby. La procedura ha dato luogo ad un riequilibrio del mercato con una nuova entrante (Forship) ed il consolidamento della presenza di Blu Navy. Le programmazioni orarie dal 2011 ad oggi sono sempre state effettuate con proposte effettuate dalle stesse compagnie, con il coordinamento dell’Autorità Portuale e con la sottoscrizione in Conferenza dei Servizi da parte di tutte le medesime. La procedura è pertanto ben nota alle compagnie, inclusi i punti ed i riferimenti che si propongono di garantire il mantenimento di margini di sicurezza inderogabili nei nostri porti.

2. La Blu Navy quest’anno non ha atteso il normale svolgersi della procedura ed ha anticipato una propria proposta che l’Autorità Portuale ha valutato comunque senza alcun pregiudizio. Tale proposta prevede l’incremento di 4 corse giornaliere nel periodo estivo e di 3 corse (2 il sabato e la domenica) nel periodo invernale rispetto a quanto finora svolto dalla Compagnia. Da sottolineare che per periodo invernale la Compagnia Blu Navy intende il periodo 1° gennaio – 26 marzo, mentre nessun servizio è proposto per il periodo 5 ottobre – 31 dicembre, delineando una parziale stagionalità invernale.

3. Dalla proposta della Compagnia e dagli incontri effettuati risulta che il servizio invernale è legato alla fattibilità dell’ampliamento di quello estivo. Ecco pertanto che la Compagnia comunica “scorrettamente” e mostra di voler giocare forse una partita non più sul piano strettamente tecnico, perché l’Autorità non ha assolutamente negato a Blu Navy la possibilità di effettuare il periodo (solo parzialmente) invernale ma ha rimesso alla Società ogni decisione alla luce degli orientamenti emersi rispetto al periodo estivo, peraltro non definitivi secondo la procedura e le norme di legge.

4. E’ quindi doveroso chiarire che l’Autorità Portuale non ha alcuna obiezione sulla parte invernale. Tutt’altro. Ricordiamo come questo aspetto della tutela del servizio per tutto il periodo dell’anno sia stato sempre una bandiera che l’Autorità Portuale di Piombino e dell’Elba ha costantemente mantenuto alta, nonostante le prese di posizione contrarie di non pochi soggetti perlopiù economici interessati che hanno purtroppo trovato sponda in precise disposizioni dell’AGCM. E’ a seguito di tale disposizione che l’Autorità Portuale ha dovuto togliere dal proprio regolamento la preferenza – a parità di altre condizioni – “accordata ad operatori disposti ad offrire collegamenti tutto l’anno” perché penalizzante il “confronto competitivo”. Su questo punto non si accettano critiche e possiamo dimostrare atti alla mano quanto affermato.

5. In questo quadro e visto il livello di mistificazione mediatica impressa dalla Compagnia sull’argomento è utile ricordare come non troppo tempo fa, il 19 settembre 2012 la Blu Navy comunicò improvvisamente la cessazione del proprio sevizio invernale approvato un anno prima lasciando scoperta una programmazione 01.10.2012 – 31.12.2012 con soli 11 giorni di preavviso. L’Autorità Portuale fu costretta in tutta fretta a riprogrammare con grande difficoltà gli ultimi 3 mesi dell’anno riscontrando la disponibilità degli operatori storici.

6. Le obiezioni dell’Autorità Portuale sono solo sull’incremento del servizio estivo data la crescita del numero delle bande orarie rese disponibili negli ultimi anni in rapporto equilibrato con le potenzialità delle infrastrutture marittime e terrestri. Ricordiamo per inciso che solo per l’Elba risultano in estate 58 partenze (più 58 arrivi) al giorno, a cui si aggiunge tutta la rimanente attività marittima. Questo significa che lo specchio acqueo portuale ed in particolare le aree di evoluzione, entrata ed uscita, sono impegnate ogni 8 minuti, attività che occorre coordinare compatibilmente con la disponibilità degli spazi a terra e della viabilità dentro e fuori i porti.

7. La problematica è pertanto esclusivamente tecnica ed attiene in buona sostanza alle problematiche legate alla sicurezza ed all’espletamento delle complessive attività portuali. Al riguardo gli uffici tecnici hanno prodotto relazioni che motivano abbondantemente l’attuale posizione dell’Autorità Portuale. Basti pensare ad esempio che la stessa proposta della Compagnia si basa sul presupposto di arrivo/partenza di navi Toremar agli scivoli del porto di Piombino con uscita passeggeri dal garage insieme alle auto e quindi senza l’uso degli attuali scalandroni per uscita laterale. E che, ad esempio, nel porto di Portoferraio risulterebbe pressoché impossibile gestire non solo l’operatività delle banchine ma neanche garantire l’ormeggio alle navi da crociera".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Politica