Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:41 METEO:PORTOFERRAIO12°13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Sgarbi: «Domani riprendiamo le telefonate con Berlusconi, il primo sarà Ciampolillo»

Cronaca giovedì 13 febbraio 2014 ore 19:20

Krokodil, la droga del "cannibale". Dalla fantasia alla dura realtà

foto facebook

Un romanzo giallo presentato all'Elba ha anticipato una tragica realtà dei nostri giorni



ISOLA D'ELBA — Krokodil, è il nome di una droga definita "del cannibale" o "degli zombie" che pare si stia diffondendo in Italia andandosi a sostituire, a causa del basso costo, all'eroina.

La notizia diffusa in questi giorni  fa tremare.
Si tratta di una sostanza oppiacea, la desomorfina, derivata dalla morfina, che, in una prima partita sarebbe stata sequestrata a Padova, all'interno di un ristorante. 

Gli effetti dell'assunzione di questa sostanza sono gravissimi. La pelle inizia ad auumere una colorazione verdognola ed inizia a squamarsi. Come la pelle di un coccodrillo. Poi ha inizio la decomposizione, irreversibile. la sostanza aggredisce pelle, carne e ossa. Gli assuntori assumono l'aspetto di veri e propri "zombie", perdono il controllo di sè, hanno una durata della vita brevissima circa tre anni dall'inizio dell'assunzione.

La sua diffusione è divenuta allarmante in Russia negli ultimi anni, ma sta interessando anche altri paesi e sembra essere arrivata anche da noi. Ma perchè parlarne in un giornale locale come quinewselba?
Il motivo è molto semplice: la realtà ha superato la fantasia.  


E di fantasia si parla ( o almeno, si parlava) perchè a Marina di Campo, l'estate scorsa, durante la kermesse di Campo d'Autore, Francesca Bertuzzi, giovane scrittrice di fama internazionale, che trascorre molto del suo tempo a scrivere proprio all'Isola d'Elba, aveva presentato il suo ultimo libro di successo il romanzo giallo "La belva" (edito da Newton Compton). E indovinate qual'è la protagonista del libro? Propria una droga così temibile da trasformare i suoi fruitori in veri e propri cannibali. La storia è chiaramente a lieto fine e porta con sè importanti insegnamenti.

Nella dura realtà, poi, è bene precisarlo non si arriva al cannibalismo, ma è la stessa droga che di fatto "mangia" le persone che ne fanno uso (e la cosa consola ben poco).

La genialità dell'autrice ha fatto del libro un best seller, ma chi mai avrebbe potuto pensare che quanto scritto nel libro, potesse tragicamente trasformarsi, (anche se con qualche distinguo) in realtà?  


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questo il bilancio dei nuovi casi positivi al Coronavirus registrati sull'isola nelle ultime 24 ore. Oggi non sono stati effettuati tamponi
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità