Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:PORTOFERRAIO10°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 26 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità sabato 01 dicembre 2018 ore 06:00

"Non si rilevano criticità sull'ambiente marino"

Isola del Giglio

Arpat ha presentato il rapporto del monitoraggio 2016-2017 relativo ai fondali dell'isola del Giglio in seguito al naufragio della Costa Concordia



ISOLA DEL GIGLIO — E' stato pubblicato il rapporto sui risultati del monitoraggio ambientale nel periodo 2016-2017  all'isola del Giglio, effettuato dall'Arpat in collaborazione con l'Ispra. 

In seguito al naufragio della Costa Concordia, avvenuto il 13 gennaio 2012, presso l’Isola del Giglio, infatti  è stato formalizzato un apposito accordo tra Regione Toscana, Arpa Toscana e Ispra per il monitoraggio finalizzato alla verifica delle attività di ripristino dei fondali dell’area del Giglio interessata dall’incidente della Costa Concordia.

"Per quanto riguarda lo stato chimico, - si legge nel rapporto 2016-2017 - dai controlli analitici della colonna d'acqua non sembra che l’impatto sull’ambiente marino determinato dal naufragio della nave Costa Concordia e dalle successive operazioni di rimozione interessi le acque prelevate nelle immediate vicinanze del cantiere: di fatto al momento non sono state evidenziate situazioni di criticità".

"I test di tossicità - si legge ancora - hanno sempre dato esito negativo e le concentrazioni di metalli sono risultate sempre entro i valori degli standard ambientali previsti dalla normativa".

"Le altre analisi chimiche - prosegue il rapporto - mostrano un'anomalia nelle concentrazioni medie dei Tbt (Tributilstagno) con superamenti del Sqa-Ma nel 2016 in tutte le stazioni tranne Giglio e nel 2017 in tutte le stazioni eccetto Cala di Forno. Nonostante dal 1 Gennaio 2003 la Direttiva 2002/62/CE abbia vietato l’immissione sul mercato e l’uso dei prodotti organostannici nei prodotti antivegetativi destinati a qualsiasi tipo di imbarcazione, questi composti, data l'elevata persistenza, sono presenti nella matrice acqua in tutti i corpi idrici della Toscana indagati ai sensi del D.Lgs 172/15; il superamento dello standard ambientale all’Isola del Giglio, quindi, non è da ritenersi in relazione con il naufragio della Costa Concordia".

Il monitoraggio completo può essere consultato sul sito dell'Arpat al link http://www.arpat.toscana.it.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità