Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:PORTOFERRAIO23°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Autonomia: dai banchi della maggioranza sventolano le bandiere regionali, l'opposizione canta l'Inno di Mameli

Attualità lunedì 28 marzo 2022 ore 11:00

Giglio, ripresa mappatura dei rifiuti nei fondali

Trovato solo un punto con dei filaccioni a circa 30 metri di profondità sui 2.200 metri scandagliati. Prossima tappa ad Aprile



ISOLA DEL GIGLIO — Dopo la sosta invernale è ripartito il progetto Underwater Pro Tour all’Isola del Giglio. Il 26 marzo si è svolta la sesta tappa di mappatura dei fondali del Giglio per rilevare la presenza di eventuali rifiuti inquinanti, con partenza da Punta di Mezzo Franco, dalla parte dell’isola che si affaccia sull’Isola di Montecristo e il mare aperto.

La barca dell’International Diving, timonata da Gianmaria Vettore, coadiuvato nelle operazioni di assistenza da Claudia Di Giuseppe e Roberto Luisi, dello staff del diving. Il team di subacquei, dotati di sistema elettronico di propulsione, era costituito da Gianluca Cireddu, Fabio Forti e Graziano Lanini. Sono stati percorsi circa 2200 metri di fondale perlopiù ricoperto da praterie di rigogliosa posidonia, ad una profondità media di circa 16,5 metri e a 35 metri di massima, per una durata di oltre 2 ore di immersione.

Come spiegano gli organizzatori in una nota, è stato rilevato un solo punto di interesse ai fini del progetto UPT: una matassa di filaccioni presenti sul fondo a circa 30 metri, un buon risultato, perché significa che, si tratta di un tratto di fondale apparentemente scevro di inquinanti e di materiali abbandonati o persi.

La giornata è stata caratterizzata dalla fattiva collaborazione con il team dell’Associazione ambientalista Marevivo, che tramite la Divisione Sub ha deciso di collaborare attivamente, anche in futuro, alla realizzazione delle tappe del tour: si tratterà soprattutto di fornire supporto umano, trattandosi di subacquei che si occupano ormai da tempo proprio del recupero dei vari materiali, e con i quali già nel mese di agosto 2021 l’associazione UPT ha collaborato per il recupero di una grossa rete abbandonata sui fondali gigliesi.

La prossima tappa si svolgerà, meteo permettendo, il giorno di Pasquetta, 18 aprile, da Punta Eresia allo Scoglio di Pietrabona, su fondale di posidonia, intervallato da grossi massi sui quali, spesso, sono stati segnalati dai subacquei in immersione numerosi residui di reti e lenze da pesca abbandonati o perduti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I cittadini presenti nella zona sono subito intervenuti per paura che l'incendio di estendesse. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri forestali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Cronaca