QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°24° 
Domani 22°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 17 settembre 2019

Cronaca sabato 26 aprile 2014 ore 08:25

Il programma di "Noi per Rio Castello"

La lista di de Santi presenta il programma idee e progetti



RIO NELL'ELBA — Noi per Rio Castello, tutto il programma elettorale della lista guidata da Claudio de Santi

PREMESSA

La nostra lista civica, è un insieme di sensibilità diverse, di volti nuovi, di giovani e meno giovani che con sicura determinazione e personalità intendono scendere in campo per cambiare il modo di governare il paese. Voltare pagina, aprire ad uno sviluppo sostenibile che permetta una crescita economica e sociale con equità e pari opportunità.

L’attività della prossima Amministrazione Comunale sarà condizionata da una crisi economica di tali proporzioni che ci costringerà a cambiare radicalmente abitudini, comportamenti e stili di vita. Le difficoltà del momento debbono costituire un’occasione per ridefinire il volto del nostro paese tenendo conto dei suggerimenti che sapremo ricercare in campo ambientale, tecnologico, culturale, ecc..

Rio nell'Elba possiede tutte le qualità che ne possono fare contemporaneamente un paese attento alla sua storia e alle sue tradizioni, alle sue peculiarità ma anche un paese aperto al nuovo ed in grado di recepire lo sviluppo di cui ha bisogno.

Potevamo scrivere sul programma di tutto e di più, come spesso accade in quota a molti partiti, noi abbiamo preferito scrivere le linee guida che ci animeranno, quello che sicuramente cercheremo di fare impiegando tutte le nostre forze.

Siamo consapevoli che si potessero inserire più punti, ma la cassa comunale, i mutui in corso , che le maggioranze hanno lasciato, non permetteranno grandi spese. Tuttavia, abbiamo tenuto conto di capitoli importanti, come il sociale, l’ambiente, il lavoro, i lavori pubblici, un’attenzione verso il centro storico e di tutte le frazioni del territorio.

Ho accettato la candidatura a Sindaco, che mi è stata richiesta da più parti, per il fatto di avere un serio appoggio da parte di persone preparate e che amano Rio Nell’Elba. In questi anni, con un pizzico di presunzione, credo di aver maturato una conoscenza del Paese, delle persone e del territorio da più punti di vista, ed una conoscenza della macchina comunale, indispensabile per poter amministrare un Comune.

Linee guida per i prossimi anni

SOSTEGNO ALLE PERSONE E ALLE ATTIVITÀ ECONOMICHE

Zero tagli nel settore dei servizi sociali

La crisi economico-finanziaria, sta producendo effetti catastrofici sulle famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese per i cui consumi si stanno riducendo drasticamente, sulla produzione, che risente della mancanza di investimenti, sulla notevole contrazione della domanda, sull’occupazione specialmente giovanile ed infine anche sull’istruzione con riduzione dell’offerta formativa, causa della mancanza di fondi. In tale difficile contesto vorremmo essere capaci di affrontare e gestire al meglio la drammatica situazione economica, fornendo una risposta immediata per dare un forte sostegno materiale e morale alle famiglie ed alle persone che vivono il dramma di una condizione sociale disagiata.

Sostegno ed apertura allo sviluppo economico

Il nostro obiettivo generale sarà l’intervento nelle problematiche derivanti dalle diverse forme di disoccupazione presenti nel paese (di lunga durata, giovanile e femminile) e dalla scarsa dinamicità del tessuto economico locale.

Si riterrà necessario attuare interventi diversi ma tra loro correlati che abbiano come destinatari imprese, lavoratori e cittadini. L’obiettivo specifico sarà l’implementazione delle competenze legate ai sistemi produttivi , la rigenerazione aziendale attraverso investimenti privati sul territorio con la conseguente creazione di occasioni occupazionali. I beneficiari individuati dovranno essere in primis i giovani residenti e gli attori sociali e produttivi.

Le risorse saranno recuperate attraverso risparmi sulla spesa con un attento monitoraggio di finanziamenti agevolati, formazione d'impresa, creazione di incubatori d'impresa (start-up).

Restyling dell’identità comunale dal punto di vista comunicazionale che permetta e renda riconoscibile la caratterizzazione del paese come luogo d'arte e di musica attraverso strumenti mirati che sensibilizzino ospiti e cittadini al senso civico e all'amore per il proprio territorio.

Vicinanza e relazione con i cittadini

L'ipotesi del Comune Aperto ed i servizi di Qualità

Il compito principale di un Comune è quello di “servire il cittadino” e per farlo deve avere con questo un rapporto diretto e costante.

Crediamo di dover dare un volto nuovo alla nostra Amministrazione Comunale, aprendola al pubblico (nuovi sistemi di comunicazione), al confronto e allo scambio, favorendo quanto più possibile l’interazione, la collaborazione e la partecipazione del cittadino alle scelte ed alla vita pubblica.

Dovremmo identificare adeguatamente i bisogni ed impegnarci a porre in atto tutte quelle attività necessarie per il loro soddisfacimento.

Per questo interverremmo sui processi esterni (front office) e sui processi interni (back office), snellendoli e consentendo anche al personale di poter operare in modo migliore, più efficiente, con minor fatica.

La qualità dei servizi è la conseguenza di un insieme di elementi tecnici e tecnologici, organizzativi, procedurali, relazionali e di comunicazione in cui un ruolo determinante è svolto dalle variabili umane che interagiscono fortemente nelle attività coinvolte. E' un processo culturale che dobbiamo iniziare a mettere in atto per massimizzare la Qualità nelle risposte ai cittadini con le risorse disponibili.

Qualità significa capacità di soddisfare esigenze, di tipo morale e materiale, sociale ed economico, proprie della vita civile e produttiva, opportunamente identificate e tradotte in determinati requisiti concreti e misurabili.

Il coinvolgimento attivo del personale sarà totale, mediante la sensibilizzazione, l'addestramento, la valutazione per obiettivi. Nostro obiettivo non è avere una patacca di certificazione, ma concretamente di rendere più efficiente anche nel tempo la nostra macchina amministrativa. Nei precedenti anni amministrativi si dotarono della certificazione di Qualità ambientale ISO 14.001, spendendo risorse e tempooltre. Ad oggi non vi è più alcuna traccia e nessuno ne ha usufruito concretamente (potremmo dire, parafrasando la battuta di un noto film "solo chiacchiere e distintivo”).

Valore dei costi

Massimizzazione del Valore della spesa

Il progetto di Revisione e ristrutturazione del bilancio comunale è fondamentale e prioritario per l’attuazione dell’intero programma ed è orientato innanzitutto a scongiurare la reale minaccia di un dissesto finanziario del Comune di Rio nell'Elba, e in secondo luogo, ad elaborare interventi strutturali che si collocano in una dimensione coerente con i più ampi processi di riforma della contabilità e della finanza pubblica apportate dal federalismo fiscale municipale.

Pertanto gli strumenti che verranno introdotti saranno: il Piano dei conti integrato finalizzato all'armonizzazione dei sistemi contabili, all'integrazione e alla coerenza tra le rilevazioni contabili di natura finanziaria ed economica, al consolidamento delle entrate, spese, costi e ricavi, al monitoraggio della finanza pubblica, alla tracciabilità delle informazioni, alla totale trasparenza e attendibilità dei dati peraltro ormai obbligo di legge.

In questo scenario difficilissimo di crisi economica, la mia azione politica sarà orientata ad una diversa politica tariffaria e impositiva comunale avendo come obiettivo prioritario quello di non far pagare ai cittadini la situazione lasciata in eredità dalle precedenti Amministrazioni, e contestualmente, non deprimere ulteriormente l’economia locale e il sistema delle imprese.

Le spese saranno quindi improntate a soddisfare principi di reale Utilità Funzionale agli interessi del paese.

Recupero ambientale per uno sviluppo urbano sostenibile

Il nostro obiettivo generale sarà quello di tutelare e migliorare l’ambiente al fine di creare le condizioni per uno sviluppo sostenibile. L’ambiente naturale rientra a pieno titolo come fattore di crescita nelle strategie di sviluppo. Da un lato si pone la necessità di evitare il suo degrado, dall’altro emergono le opportunità di assicurarne la valorizzazione, ai fini del benessere economico e produttivo della popolazione residente. (in grado di generare occasioni di lavoro) Siamo tuttavia coscienti che ci troveremo di fronte a pesanti eredità: grandi problemi sul territorio che non sono stati risolti dall’amministrazione uscente, alcuni dei quali lasciati a lievitare per l’inattività o l’incapacità, altri ingigantiti dalla mancanza di buon senso.

Difatti intendiamo intervenire in merito alla questione urbanistica di Nisportino. Affrontare il grande problema derivato dall’intervento per la regimazione idrica della frazione di Bagnaia e di Nisporto dove oltretutto vi sono importanti pendenze al TAR.

Risolvere il problema della viabilità del Piano e la variante urbanistica dell'area artigianale.

Serve dunque un massiccio intervento sul piano del recupero e delle ristrutturazioni. Da questo punto di vista l’attuale stallo del settore edilizio può costituire uno stimolo per la realizzazione di nuovi percorsi di gestione del territorio fondati sul recupero e la rifunzionalizzazione dell’esistente.

L’attenzione quindi va posta a favore del costruito spesso sottovalutato e in parte abbandonato, in quanto fino ad oggi, non concorrenziale rispetto alle cosiddette aree libere. Cogliendo una positività nell’attuale situazione si può dire che è il momento più maturo per ricomporre le lacerazioni territoriali con interventi di recupero urbano.

In tal modo si avrebbe un aumento della qualità della vita, anche sociale, con costi minori rispetto all’acquisto di una casa di nuova edificazione, producendo anche uno sviluppo lavorativo per le piccole imprese edili a livello artigianale.

Albergo diffuso

Un modello di sviluppo turistico del territorio

E' una proposta concepita per offrire agli ospiti l’esperienza di vita di un paese potendo contare su tutti i servizi alberghieri, cioè su accoglienza, assistenza, spazi e servizi comuni per gli ospiti, usufruendo delle ristorazioni esistenti, alloggiando in case e camere presenti nel centro storico.

L'albergo diffuso è anche un modello di sviluppo del territorio che non crea impatto ambientale, essendo anche destagionalizzato, può generare indotto economico e può offrire un contributo per evitare lo spopolamento dei borghi.

Le prime cose di cui ci occuperemo:

ü Decoro del paese e delle frazioni

ü Recupero di risorse economiche attualmente destinate a funzionalità meno importanti e con una maggiore attenzione alla spesa, per la creazione di start up per giovani in ambito artigianale e commerciale;

ü Privilegio nella realizzazione di mostre e spettacoli (anche dii artisti del territorio) per ottenere una caratterizzazione del paese;

ü Verifica/revisione della viabilità nei punti a maggiore difficoltà di transito (es. alle Murelline);

ü Piazzamento di una stazione Wireless che possa essere utilizzata in paese;

ü Attivazione di corsi per l'utilizzo di Internet;

ü Realizzazione della fontanella/e dell'acqua purificata;

ü Revisione e riorganizzazione degli spazi per l'affissione che attualmente deturpano e sporcano il centro storico;

ü Assicurare un punto di ascolto a favore dei cittadini per la soluzione delle "piccole cose";

ü Attivazione di corsi di imprenditoria;

ü Miglioramento delle attività a sostegno di coloro che si occupano degli animali domestici in affidamento e randagi;

Considerazioni

In quest'ottica sarebbe opportuno rivedere le politiche di promozione e comunicazione delle attività ed eventi organizzati nel territorio, spesso lasciate al caso nelle precedenti amministrazioni anche attraverso campagne online (social media marketing). Istituzione di un nuovo informatore cittadino più aperto e leggibile che combini tradizione e sviluppo oltreché fornire con chiarezza le attività in svolgimento e politiche future, disponibile anche online.

Per una sana democrazia, credo sia giusta oltre che indispensabile una alternanza che porterebbe sicuramente ad un miglioramento anche in termini di proposte e servizi. L’amministratore che sa di avere una sana concorrenza, non può permettersi di “sbagliare”. Se non si istaura questo meccanismo, esisterà solo l’appiattimento e il lassismo.



Tag

Il bambino caduto dal balcone a Lodi: ecco come Angel lo ha salvato | Video

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca