Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO17°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Attualità domenica 04 marzo 2018 ore 10:36

​Allievi del Giusti all'Accademia Santa Cecilia

I ragazzi della scuola media campese all’Auditorium Parco della Musica di Roma hanno assistito ad un concerto gregoriano



MARINA DI CAMPO — Non è stata l’allerta meteo o la neve, che ha imbiancato buona parte dello Stivale, regalando immagini surreali e meravigliose, alcune immortalate dai droni e pubblicate sui social, a fermare gli alunni della Secondaria di primo grado dell’Istituto “G. Giusti” verso Roma, in visita giovedì scorso all’Auditorium Parco della Musica - realizzato dall’architetto Renzo Piano -, dove hanno assistito a una lezione di “guida all’ascolto” e al concerto gregoriano per violino e orchestra di Ottorino Respighi. L'auditorium è la sede stabile della rinomata Stagione Sinfonica e Cameristica dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, tra le più antiche istituzioni musicali al mondo di origine rinascimentale e guidata, attualmente, dal direttore musicale Sir Antonio Pappano.

“I ragazzi del Giusti si sono distinti fra gli altri presenti per l’attenzione e la serietà con cui hanno seguito l’attività di guida all’ascolto e l’intero concerto - commenta con soddisfazione il professore di Musica, Marco Carraro Moda -. Ascoltare la musica nella sua massima espressione tecnica ed artistica pone i ragazzi nelle condizioni di scoprire le proprie emozioni e motiva a coltivare l’arte”. E conclude: “La nostra visita all'Accademia di Santa Cecilia fa parte di un nutrito gruppo di progetti di didattica innovativa che il nostro Istituto programma e promuove”.

Una bella esperienza anche per il professore di Matematica e Scienze, Salvatore Aragona, tra i promotori dell’iniziativa, che riporta, nelle sue battute iniziali, il commento di stupore di una sovrintendente russa dell’Accademia: “Ci sono scuole romane che non sono mai venute qui, voi siete addirittura partiti dall’Isola d’Elba”.

Esperienza unica, dunque, per i ventiquattro alunni delle due prime (A e B) dell’Istituto, accompagnati anche dalla professoressa Silvia Ragoni, poiché “Sono entrati nella più grande e importante struttura europea dove apprezzare la musica da un punto di ascolto qualitativo unico”, riprende Aragona, “Il piccolo gruppo di allievi ha accolto con stupore e interesse la bella lezione introduttiva al concerto gregoriano svolta dalla responsabile di "Santa Cecila Educational" Laura de Mariassevich e grande è stato l'entusiasmo nell'ascoltare e nel vedere esibirsi dal vivo, per la prima volta, nella loro vita, un'orchestra sinfonica”.

Uscire dalle quattro mura di una classe rappresenta certamente uno dei gradi più alti dell’apprendimento: “Crediamo molto in esperienze significative come questa – conclude il professore Aragona -, capaci di lasciare un segno profondo nella formazione personale di ognuno, agendo su sentimenti ed emozioni, prima ancora di fornire informazioni e nozioni che, senza il necessario coinvolgimento emotivo, rischiano di risultare poco efficaci perché non capaci di attivare interesse e partecipazione attiva nei ragazzi”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il noto calciatore, già bomber della Roma e nella Nazionale italiana, riprenderà a giocare con la squadra elbana aderente alla Conifa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità