Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Cronaca lunedì 05 agosto 2013 ore 14:35

Furti nelle abitazioni. In manette tre cittadini serbi. L'operazione condotta dai Carabinieri



ISOLA D'ELBA - Sono finiti in manette in tre, nella notte di domenica, dopo una serratissima ricerca durata quindici ore, i responsabili di almeno quattro furti in abitazione, perpetrati il giorno prima a Marina di Campo e Porto Azzurro. V.R. 25enne, N.K. di 27 anni e un loro complice 17enne, sono tutti nati in Serbia, ma risiedono tra Napoli e Caserta e si possono considerare, dati anche i precedenti di alcuni di essi, veri e propri trasfertisti del furto in casa. L’infittimento del controllo specifico del territorio da parte dei carabinieri dell’isola ha fatto sì che il personale dell’Arma, in pattugliamento nella tarda mattinata di sabato, a Marina di Campo, li individuasse e li considerasse elementi sospetti, ancor prima di venire a conoscenza di un furto con scasso commesso poc’anzi in una casa di via degli Etruschi. I tre erano stati notati da un militare che li aveva osservati a distanza mentre si allontanavano a bordo di un’auto grigia di cui, inizialmente, si sconoscevano modello e targa e, scattato l’allarme, è partita una lunga ricerca di quelli che poi sarebbero risultati essere i due esecutori materiali del furto insieme al loro autista. Questi, visto il rischio di essere intercettati, si sono spostati sul versante orientale dell’isola, sempre senza rinunciare all’idea di svaligiare altre dimore. Qui i ladri, in serata, hanno colpito tre abitazioni in una sequenza velocissima, nella zona di viale Europa, ma fortunatamente un cittadino ne ha notato la presenza sospetta e li ha segnalati, mentre cercavano di lasciare il paese, a vigili urbani e carabinieri. E sono stati proprio i carabinieri a lanciarsi alla ricerca della vettura mentre questa si allontanava dal centro e di lì a qualche ora, a Portoferraio, grazie a uno specifico servizio coordinato messo in atto dal Nucleo Operativo e Radiomobile e da tutte le stazioni Arma dell’Elba, la rete si è stretta intorno al gruppo di malviventi che è stato bloccato. Le perquisizioni eseguite hanno permesso di rinvenire nella vettura oltre quaranta gioielli, del valore approssimativo e complessivo di 15.000 € e nelle tasche dei rei oltre 1000 € in contanti. I gioielli sono stati, quindi, riconosciuti dalle vittime dei furti (ad eccezione di tre ori per i quali l’Arma non ha ancora ricevuto segnalazione dell’ammanco) e i tre ladri, in stato di fermo di indiziato di delitto, sono stati trasferiti, rispettivamente, al carcere di Livorno e all’Istituto di pena minorile di Firenze. I carabinieri dell’Elba, invitando la cittadinanza alla massima sensibilizzazione e collaborazione nel comunicare presenze sospette nei dintorni delle abitazioni e ad assumere qualche specifico accorgimento , non escludono di poter accertare, nell’approfondimento di indagine, la responsabilità dei fermati in altri analoghi delitti perpetrati sull’Elba in queste ultime settimane.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha emesso un avviso meteo per forte vento di Scirocco e mareggiate sull'Arcipelago e la costa sud della Toscana
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità