Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:32 METEO:PORTOFERRAIO13°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Politica martedì 16 marzo 2021 ore 07:00

Balneari, una mozione impegna la Regione

Presentata dalla Lega in Consiglio regionale, la mozione riguarda la necessità di sollecitare il Governo per l'estensione delle concessioni demaniali



FIRENZE — È stata approvata a larga maggioranza, con i due voti contrari del Movimento 5 stelle, una mozione della Lega, prima firmataria la capogruppo Elisa Montemagni, riguardante la lettera di messa in mora ai danni dell'Italia da parte dell'Unione Europea per le norme contenute nella legge 145/2018 relativa alle concessioni degli stabilimenti balneari. 

La mozione è stata integrata con emendamenti di Andrea Pieroni (Pd) e della stessa Montemagni.

La problematica dell’applicazione della direttiva Bolkestein, come si legge nel documento, deve essere portata all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni e la Regione deve “assumere ogni iniziativa possibile volta a sollecitare il Governo, affinché questi, in primo luogo, “difenda, in sede europea, l’estensione della durata delle concessioni marittimo-demaniali previste dalla legge 145/2018, avviando contestualmente la riforma del demanio marittimo”. Senza tale riforma, non è possibile “stabilire i termini di applicazione della direttiva Bolkestein al comparto balneare”.

In secondo luogo, in base alla mozione approvata, si deve sollecitare il Governo affinché si attivi, alla luce dei risultati ottenuti con la riforma del demanio marittimo, “per una negoziazione con la Commissione europea”, per fare sì che l’applicazione della direttiva Bolkestein alle concessioni marittimo-demaniali “sia rispettosa delle peculiarità del comparto balneare italiano” e salvaguardi “la continuità delle imprese balneari italiane, il loro valore economico, sociale e di tutela del patrimonio marittimo e della biodiversità”.

“Non mi stupisco della contrarietà del Movimento 5 stelle, sebbene ai tempi del governo Conte 1 abbiano votato anche loro provvedimenti su questo tema. Non hanno ancora capito l’importanza della questione per le tante imprese del settore balneare e per il grande indotto”, ha dichiarato in Aula Elisa Montemagni.

“Siamo soddisfatti dell’accoglimento dei nostri emendamenti. La questione è davvero rilevante, il 96 per cento delle nostre coste è balneabile e in Toscana ci sono quasi un migliaio le aziende che operano nel settore”, ha dichiarato Andrea Pieroni

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità