Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nespoli: «Io come la mia Inter, poche vittorie ma di gran cuore»

Attualità domenica 03 novembre 2013 ore 09:20

Feste di Halloween, a chi piacciono e a chi no. L'opinione pubblica si divide sulla festa di demoni e streghe



ISOLA D'ELBA - Feste di Halloween: a qualcuno piacciono e a qualcuno no. E’ accaduto ancora una volta. Nelle piazze e nei locali di mezza isola in questi giorni non sono mancati eventi ludici dedicati ai più piccoli, ma anche ai grandi, sul tema, ormai importato a pieno titolo, di Halloween. Via libera dunque a mostri, zombie, streghette, scheletri e fantasmi, ma anche a zucche gialle, lanterne, candele, ragnatele, insomma a tutto ciò che è macabro, oscuro e pauroso. Perché, in fondo, ciò che rende così popolare la festa "magica" di Halloween è proprio questo: il legame con l’ignoto, il tenebroso e tutto ciò che ne consegue. Niente di male se si sa rendere gioco e puro divertimento questo momento che si traduce spesso in un’ulteriore occasione di aggregazione per i più piccoli, ma una parte dell’opinione pubblica non concorda. Vediamo perché? In primis c’è la critica all’aver deciso di importare, per puri scopi commerciali, una festa, o meglio, una tradizione che non ci appartiene e che affonderebbe le sue radici nell’antica e lontana cultura celtica, fortemente in contrasto, secondo gli esperti, con i principi cristiani e cattolici. Ma accanto a questo ci sarebbero timori ben più profondi. Non ultimo la paura di avvicinare i piccoli, inconsapevolmente, ad una cultura dell’occulto, che nulla avrebbe a che vedere con il sano e puro divertimento che ispira molte famiglie a partecipare a queste feste. Basta aprire internet, e avviare il proprio motore di ricerca per capire che su Halloween ci sono mille verità e che la polemica su questo tema delicato dilaga ovunque. Persino il mondo cristiano è diviso su questa tema, offrendo interpretazioni diverse. Nelle Chiese anglicane ad esempio, Halloween diventa un modo per enfatizzare le tradizioni cristiane del giorno di Ognissanti. Padre Amort, invece, noto padre esorcista della Chiesa Romana ha detto che "Festeggiare la festa di Halloween è rendere un osanna al diavolo". La chiesa Protestante si pronuncia contraria a Halloween, e la considera una festa di carattere religioso e mistico, ma non cristiano. Gli evangelici dicono addirittura che "in questo giorno si spera che il misterioso, diabolico e occulto conviva con gli umani e ciò troverebbe conferma nel fatto che anche al giorno d’oggi, nel mondo intero, Halloween è la festa più importante dell’anno per i seguaci di Satana e secondo il calendario delle streghe il 31 ottobre sarebbe l’inizio del nuovo anno. C’è una parte del mondo cristiano, però, che ha una visione meno integralista non ascrivendo ad Halloween, un significato negativo, ma vedendolo come una festa puramente secolare fatta di dolci e fantasia e dove non ci sarebbe una vera e propria minaccia per i piccoli che, al contrario, riceverebbero gli insegnamenti sulla mortalità come lezione di vita. E c’è anche chi ritiene che Halloween e le feste cristiane dedicate al culto dei morti, abbiano origini comuni e che in questo senso vadano rilette. Ma la lettura più diffusa che offre la Chiesa Cattolica su halloween è negativa perché il suo scopo sarebbe quello di avvicinare al mondo dell'occulto e al satanismo, distogliendo l'attenzione dal culto dei defunti e della vita dopo la morte, nonché dalla Festa di tutti i Santi. Comunque la si pensi, una cosa è certa, l’enfasi di Halloween deriva dalla paura, la stregoneria, la morte, la magia e, soprattutto sui più piccoli, l’influenza di questi temi è forte. Per questo Halloween non è da prendere sotto gamba e certo è doveroso ricollocarla al giusto posto, senza paure e senza pregiudizi, ma rileggendone con attenzione ogni suo significato.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo è stato trasferito in codice rosso al Pronto soccorso dell'ospedale elbano perché l'elisoccorso non era disponibile nell'immediato
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità