Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:PORTOFERRAIO20°34°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Politica lunedì 10 marzo 2014 ore 13:00

Problema ungulati, Ncd chiede il monitoraggio

Fra le zone più colpite l'Isola d'Elba e la Maremma



ISOLA D'ELBA — Un punto sullo stato del monitoraggio regionale su ungulati e predatori in Toscana, iniziative per risarcire i danneggiati e panoramica sugli interventi emergenziali eventualmente individuati: è questo ciò che il gruppo regionale del Nuovo Centrodestra chiede con un’interrogazione urgente alla giunta regionale.

Il documento – il cui primo firmatario è il Vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Benedetti, seguito dal capogruppo Ncd Alberto Magnolfi e dai Consiglieri Andrea Agresti e Marco Taradash – prende le mosse dalle sempre più frequenti segnalazioni di devastazioni a terreni e colture, ma anche di sinistri stradali dovuti alla presenza ormai esorbitante di questi animali in moltissime zone della Toscana, con concentrazioni particolarmente acute sulla montagna pistoiese, all’isola d’Elba, in Maremma e nel Senese.

«Negli ultimi anni – si legge nell’interrogazione – nelle campagne toscane si è assistito a un aumento esponenziale della presenza di ungulati, predatori e cani selvatici/randagi. Dal 2000 ad oggi si stima che il numero di cinghiali e caprioli sia quasi raddoppiato, tanto che le associazioni di agricoltori calcolano che in Toscana siano presenti circa 400.000 ungulati, oltre a un numero elevatissimo di predatori di vario genere che impediscono l’attività agricola, danneggiano le superfici boschive e provocano incidenti stradali». I numeri lasciano sbigottiti: «Ogni 100 ettari di territorio sono presenti almeno 20 cinghiali, mentre nel Piano faunistico regionale è prevista una densità di 0,5-5 capi. Situazione analoga si riscontra per quanto riguarda i caprioli. Negli ultimi 5 anni, gli ATC hanno stimato un danno economico e produttivo nell’ordine delle decine di milioni di euro».

Sotto il profilo conoscitivo, il Consiglio regionale si è mosso: «Recentemente – si ricorda nell’interrogazione – la II Commissione consiliare permanente (Agricoltura, Caccia) ha effettuato delle audizioni con associazioni di categoria, ASL e strutture tecniche dalle quali emerge il carattere assolutamente emergenziale della situazione. Le associazioni degli agricoltori, a tutti i livelli, stanno lanciando un disperato grido di allarme e di richiesta di aiuto per una situazione ormai ben oltre la sostenibilità».

Da qui l’iniziativa di richiamare l’attenzione della giunta sulla questione con tre quesiti: «A che punto è lo stato di monitoraggio della presenza di ungulati e predatori? La Regione ha attivato procedure per valutare la possibilità di riconoscere e risarcire i danni diretti ed indiretti causati da ungulati e predatori, come richiesto dalle Associazioni agricole? Sono stati previsti interventi “emergenziali” per arrivare all’attuazione del Piano faunistico regionale in merito al contenimento della densità delle popolazioni animali presenti sul territorio?»

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo ha fatto sapere il governatore della Toscana Eugenio Giani che sta seguendo l'evolversi della situazione. Oggi due roghi hanno colpito l'isola
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità