Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:22 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Attualità sabato 26 luglio 2014 ore 19:13

Lambardi "L'impegno per custodire la memoria dei nostri avi

Il sindaco Lambardi

In una nota il pensiero del primo cittadino di Campo nell'Elba ai Cento anni dal primo conflitto mondiale e ai combattenti di allora



CAMPO NELL'ELBA — Cade lunedì prossimo, 28 luglio, il centenario della Prima Guerra Mondiale, il sindaco di Campo nell'Elba Lorenzo Lambardi ripercorre in una nota stampa ciò che significò quella guerra per l'Isola d'Elba e la sua comunità. 

"Il 28 Luglio ricorre il Centenario della Prima Guerra Mondiale. Oggi, in molte realtà internazionali, si celebra quello che sarà ricordato come l'ultimo giorno di pace in Europa.

All’Elba, come nella maggior parte dell’Italia, gli effetti concreti della Grande guerra, combattuta soprattutto in trincea, si sentirono pressoché indirettamente: le famiglie, infatti, attendevano con preoccupazione le notizie dei giovani al fronte anche per mesi. Figli e fratelli spesso appena adolescenti, essendo stati mobilitati in Italia, per emergenza, anche i cosiddetti “ ragazzi del ‘99” si trovavano travolti dagli eventi bellici. 

Ma la guerra arrivò, comunque, a sfiorare l'isola: il 23 maggio
1916 un sottomarino austro-tedesco silurò Portoferraio con lo scopo di danneggiare gli altiforni, attivissimi durante il conflitto, causando due vittime e seri danni. 

Alla fine della Grande Guerra il bilancio fu di 374 soldati elbani caduti. I nostri, del territorio campese, sono ricordati principalmente dal monumento bronzeo detto della Vittoria Alata proprio. 

Il Comune di Campo nell’Elba collocò nel 1924 il Monumento ai caduti in guerra proprio nel cuore del paese, in quella che diventò Piazza della Vittoria, assecondando il desiderio della popolazione che lo volle tra i
fabbricati della Società Operaia di Mutuo Soccorso e quello degli eredi di Ulisse Tesei. 

Il monumento della Vittoria Alata dovette accogliere, qualche decennio dopo, i nomi di altri caduti, quelli del secondo tragico conflitto mondiale. 

Il trascorrere del tempo e le intemperie hanno segnato il bronzo e quasi cancellati i nomi degli uomini sacrificati per la Patria. 

Ma quei nomi non sono stai cancellati dalla nostra memoria e, impegnandosi a perpetrarne il ricordo ai posteri, il Comune di
Campo si è attivato per recuperare i fondi necessari al restauro del Monumento ai caduti aderendo al progetto “Censimento e catalogazione dei monumenti ai caduti della Prima Guerra Mondiale”, affidato all’Istituto Centrale per il Catalogo in collaborazione con la Soprintendenza
per i Beni Architettonici e il Paesaggio e per il Patrimonio Storico Artistico e Etno-antropologico delle provincie di Pisa e Livorno. 

Crediamo sia giusto impegnarci per custodire la memoria dei
nostri avi e per chi, con il prezzo della propria vita, ha combattuto per servire il proprio Paese.

Perennemente riconoscenti,
Lorenzo Lambardi
Sindaco di Campo nell’Elba"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Negli ultimi 7 giorni 6 persone sono guarite dal Coronavirus. Ecco i dati del bollettino settimanale diffuso dall'Asl Toscana nord ovest
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità