Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:42 METEO:PORTOFERRAIO20°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Attualità venerdì 18 agosto 2017 ore 16:39

Ruggero Barbetti difende gli hotel dell'Elba

Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri

Il sindaco di Capoliveri contesta la stroncatura del "Corriere elbano" ad noto albergo dell'isola e propone:"Lavoriamo insieme a far crescere l'isola"



CAPOLIVERI — Di solito non parliamo di quello che scrivono gli altri giornali, ma oggi facciamo un'eccezione nell'ospitare la lettera che ci invia Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri , comune capofila della Gestione associata della Promozione Turistica dei comuni elbani. La questione è quella di una stroncatura ad un albergo capoliverese di una nota famiglia locale, la quale in relazione alle notizie pubblicate sull’ edizione del 15 agosto del "Corriere Elbano"  comunica di aver dato incarico al proprio legale di intraprendere le opportune azioni giudiziarie in sede civile e penale.

Barbetti la difende contestando certi giudizi che lui stesso definisce "smaccatamente fuori luogo" e "molto maliziosi". Ma proprio in conclusione della lettera, mentre ci si attendeva l'affondo finale, Barbetti  vola alto e fa una proposta che sembra quasi un tentativo di fare pace (a nome del territorio e forse anche a titolo personale) con gli azionisti di maggioranza del giornale in questione. Per questo motivo riteniamo di dover sottoporre al giudizio dei nostri lettori lo scritto di Barbetti. Eccone la versione integrale.

"Mi sento chiamato in causa dall’articolo apparso sul Corriere Elbano del 15 agosto u.s. riguardante la visita effettuata dal Mistery Client ad una struttura ricettiva che si trova nel Comune di Capoliveri. E mi sento chiamato in causa non solo come Sindaco di Capoliveri ma anche come frequentatore, da quando ero bambino, dell’Hotel in questione. Posso dire di averlo visto crescere e diventare quello che è oggi grazie alle attenzioni e alle strategie lungimiranti portate avanti dalla proprietà, la famiglia Bartolini ed in particolare da Luca che ne è il direttore da sempre.

Prendo spunto dall’ultimo articolo del Mystery Client per fare anche un ragionamento più generale sul futuro dell’Elba e sulle potenziali capacità di un’ulteriore crescita della nostra isola.

Premetto che le critiche non sono piacevoli, ma fanno sempre bene. Se, in base alla mia esperienza diretta, alcune critiche del Mistery Client sono di buon grado accettabili, altre non lo sono affatto perché appaiono smaccatamente fuori luogo. Altre ancora sono frutto di superficialità, fatte solo per danneggiare e per niente costruttive.

Concordo che l’insegna è decisamente brutta e la scritta “welcome on the beach” è sbagliata, ma non sono certo questi i requisiti per classificare una vacanza in un hotel. Perché chi soggiorna all’Elba, di norma non viaggia per affari né fa il Mystery Client di professione, ma viene per godere di alcuni giorni di meritata vacanza. E ci sono mille modi per valutare una vacanza e i criteri scelti dal Mystery Client mi sembra che siano stati miratamente utilizzati solo per denigrare la struttura.

Di due l’una: o il cliente misterioso è stato proprio sfortunato oppure è stato molto malizioso evidenziando piccoli disservizi ma mostrandoli come centrali per l’esito del suo giudizio.

Non si spiegherebbe altrimenti come è recensito l’Hotel su Tripadvisor attraverso 558 recensioni, ricordando a noi tutti che chi è soddisfatto difficilmente fa una recensione, cosa che avviene più spesso in caso di disservizi, veri o presunti che siano:

Eccellente 41%

Molto buono 38%

Nella media 14%

Scarso 6%

Pessimo 1%

Ora sappiamo che il cliente misterioso appartiene a quell’uno per cento sopra riportato. A me piacerebbe proprio conoscerlo questo Mystery Client e chiedo al direttore di farmelo incontrare per capire meglio quali sono i suoi standard di giudizio e se è in grado di dare giudizi compiuti. In vita mia ne ho viste di tutti colori, anche sedicenti professionisti che di professionalità ne avevano ben poca. Diciamo che sarebbe un modo trasparente per giudicare a posteriori il giudizio del Cliente misterioso se questi, dopo la visita, ci mettesse anche la faccia.

Ed è sotto gli occhi di tutti che oggi, purtroppo, viviamo in un paese da dieci anni attanagliato da una crisi spaventosa, con decine di aziende chiuse, centinaia di migliaia di persone che non hanno più lavoro e i giovani che non lo trovano più. Se uno vuole pagare regolarmente i propri fornitori, i dipendenti, le tasse nazionali e locali, i mutui, non ha più la possibilità di effettuare importanti investimenti per continuare a migliorare la qualità delle strutture ricettive. Questo è il problema più grosso che negli ultimi anni affligge e opprime l’economia dell’Elba.

E’ su queste problematiche che i principali attori del territorio dovrebbero lavorare tutti insieme, senza distinzioni di parte, ad un patto di interventi che vadano nella direzione di favorire il nostro turismo che è altresì la linfa vitale di tutte le nostre aziende e del sistema Elba in generale. La Gestione Associata del Turismo è un piccolo granellino della macchina che produce turismi e benessere per tutto il territorio. E il Corriere Elbano, come portavoce, dovrebbe essere in prima fila per contribuire ad aiutare l’isola a crescere non solo dal punto vista economico ma anche e soprattutto dal punto di vista sociale.

Se si concretizzasse questa possibilità ma soprattutto questa disponibilità da parte di tutti, la Consulta dei Sindaci della Gestione Associata del Turismo potrebbe essere il soggetto capofila e attuativo di una nuova visione che coinvolga tutti gli attori principali dell’isola.

Riavvolgiamo il nastro e ricominciamo da capo.

O perlomeno proviamoci. Io ci sono.

Ruggero Barbetti

Sindaco di Capoliveri"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È accaduto nel pomeriggio di oggi. Il fumo era visibile verso sud di Punta Calamita. Operazioni di soccorso della Guardia Costiera
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità