Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:17 METEO:PORTOFERRAIO20°34°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Cronaca venerdì 02 dicembre 2016 ore 10:30

Maxi evasione fiscale fra i balneari, uno all'Elba

Controlli agli stabilimenti balneari della costa, contestate imposte evase per 1,5 milioni di euro, individuato 9 evasori e 6 lavoratori in nero



CAPOLIVERI — Ha interessato anche l'Elba, in particolare Capoliveri, la maxi operazione condotta dai nuclei della Guardia di Finanza della provincia, sugli stabilimenti balneari della costa toscana.

I militari hanno proceduto al controllo di diversi stabilimenti che gestiscono in concessione tratti del demanio marittimo, sul quale ombrelloni, sdraio e lettini vengono accuratamente allineati per offrire spiagge attrezzate ai bagnanti, residenti o turisti. 

I finanzieri hanno provveduto, a monte, ad effettuare analitiche rilevazioni dati e un monitoraggio attento, sotto il profilo economico, degli esercenti le attività in argomento a più alto rischio di evasione, i quali risultavano dichiarare ricavi del tutto non congrui rispetto alle proprie potenzialità di ricezione turistica. 

Sono state, dunque, avviate e concluse 14 verifiche fiscali nei confronti di altrettanti stabilimenti balneari, operanti lungo il litorale della costa degli Etruschi, comprendente l'intero territorio della provincia di Livorno, interessando, da sud verso nord, i territori comunali (con relative frazioni) di Capoliveri, Piombino, San Vincenzo, Castagneto Carducci, Bibbona, Cecina, Rosignano Marittimo e Livorno: in particolare, un intervento fiscale è stato svolto dal Gruppo di Livorno, sette dalla Tenenza di Cecina, cinque dalla Compagnia di Piombino e uno dalla Compagnia di Portoferraio. 

Nel corso delle attività ispettive si è proceduto, spesso, all’audizione dei turisti, stagionali o occasionali, che hanno confermato, in molti casi, l’inottemperanza, nei loro confronti, dell’obbligo di rilascio di scontrini e ricevute. 

Le attività condotte, che hanno preso in esame più annualità, hanno consentito di rilevare e segnalare all’Agenzia delle Entrate, ai fini dell’accertamento, imposte evase (tra imposte dirette, iva, irap e ritenute fiscali) per 1.500.000 euro e constatare la presenza di 6 lavoratori completamente in nero: si tratta, in quest’ultimo caso, di persone assunte dai titolari di stabilimenti balneari per incarichi quali la pulizia delle spiagge, la sistemazione degli ombrelloni e sdraio o anche per le manutenzioni occorrenti per il buon funzionamento dell’attività svolta. 

Sono stati quindi scoperti ben 9 evasori paratotali riscontrando, in tale comparto, un considerevole tasso di evasione in numerosi comuni della provincia, risultato maggiore a Rosignano Marittimo, frazioni comprese. 

Stabilimenti 2016
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo ha fatto sapere il governatore della Toscana Eugenio Giani che sta seguendo l'evolversi della situazione. Oggi due roghi hanno colpito l'isola
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

STOP DEGRADO