Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:07 METEO:PORTOFERRAIO18°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Taormina, ubriaca al volante perde il controllo e va a sbattere in galleria: le immagini dell'incidente

Attualità martedì 21 febbraio 2023 ore 06:15

Darwin Day a Mola e Consorzio di Bonifica

Legambiente Arcipelago Toscano spiega quali sono state le criticità riscontrate durante la giornata di osservazione



CAPOLIVERI — Il 12 Febbraio 2023 in occasione del Darwin Day, si è svolto presso la zona umida di Mola un evento di “citizen science” nato da una collaborazione tra World Biodiversity Association, Legambiente e Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e, grazie ai volontari e ai citizen scientists che hanno partecipato all'iniziativa, è stato possibile segnalare sull'app iNaturalist (all’interno del progetto "Biodiversità della palude di Mola") nuove specie che aiuteranno i ricercatori a studiare questo piccolo e fantastico hotspot di biodiversità.

"Purtroppo - dicono i volontari del Cigno Verde - abbiamo riscontrato la presenza di numerose fasi giovanili di insetti e altri animali che trovano rifugio nella ricca vegetazione che normalmente si trova in questa zona. Vegetazione che recentemente è stata in gran parte tagliata dal Consorzio di Bonifica con un radicale quanto inopportuno intervento sui fossi, che ha causato la morte di questi organismi e che ha influito pesantemente sugli equilibri di questo ricco ma fragile habitat che gli interventi di ripristino erano riusciti a restituire a un nuovo ma ancora precario assetto".

"Inoltre - spiegano da Legambiente  - questo tipo di interventi, che dovrebbero essere mirati prevalentemente alla prevenzione, in realtà vengono effettuati (in un periodo di estrema siccità!) per evitare allagamenti in una zona umida, che proprio per la sua natura si “deve” allagare e che h gli interventi recenti hanno dotato di una laguna costiera che è anche una zona di espansione..Questi sfalci indiscriminati, oltre che inutili sono anche dannosi perché interferiscono con i normali cicli di un ambiente naturale e protetto come la zona umida di Mola è….o dovrebbe essere e proprio come vorrebbe la Legge 394/91 sulle Aree protette."


"Una delle lezioni del Darwin Day a Mola è stata sicuramente che interventi come quello realizzato a Mola dal Consorzio di Bonifica non devono più ripetersi e che devono essere sostituiti con lavori di manutenzione ambientale che puntino a mantenere l’integrità e l’equilibrio ecologico di un’area umida che, oltre ad essere Zona B di un Parco Nazionale, fa parte anche di una Zona speciale di conservazione dell’Unione europea", concludono  da Legambiente.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno