QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 15°18° 
Domani 11°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 23 settembre 2019

Politica martedì 22 dicembre 2015 ore 18:18

"Questa maggioranza perde pezzi e ci chiede aiuto"

Il capogruppo di Nuovo progetto per Campo, Vanno Segnini, commenta l'allontanamento dal gruppo di maggioranza dei due consiglieri Danesi e Spinetti



CAMPO NELL'ELBA — "Come si poteva facilmente prevedere dopo il terremoto che ha portato all’allontanamento del vice sindaco Giancarlo Galli, l’amministrazione Lambardi è di nuovo in grossa difficoltà". E' questo il commento del capogruppo di opposizione, Vanno Segnini, che arriva a poche ore dalla notizia diffusa in mattinata della defezione di due consiglieri di maggioranza a Campo nell'Elba.

"Oggetto del contendere all’interno della maggioranza - secondo Segnini - è stato il regolamento sull’utilizzo degli arenili già modificato la scorsa primavera e presentato con ulteriori modifiche al consiglio comunale di ieri. La mancanza del numero legale in consiglio non ha consentito al Lambardi di “portare a casa” il nuovo testo regolamentare a causa dell'assenza ingiustificata di due suoi consiglieri.

Gli stessi consiglieri che erano risultati anche assenti la mattina stessa disertando la commissione regolamenti che anch'essa non ha potuto operare per mancanza del numero legale. La maggioranza in consiglio non ha fornito alcuna spiegazione sull'argomento - sempre in nome della tanto sbandierata trasparenza - ma emergeva chiaramente che il motivo del contendere tra i presenti e gli assenti fosse il regolamento sulle spiagge". 

"È significativo il fatto che il Lambardi - prosegue il consigliere comunale - non fosse riuscito a trovare un punto di equilibrio tra le due componenti della sua maggioranza e che, nonostante ciò, andava allo sbaraglio in consiglio comunale consapevole del bagno di sangue che avrebbe subito e dell’ulteriore strappo a cui avrebbe sottoposto la sua compagine. Inutile è stato per lui tentare di coinvolgere la nostra componente di minoranza chiedendo una approvazione con impegno di una rivisitazione successiva del testo.

Avevamo già contestato in apertura di consiglio il comportamento tenuto dalla maggioranza di disconoscimento del nostro gruppo fino al limite di impedirci di svolgere il nostro compito come minoranza omettendo di riferire sulla problematica dei migranti, nonchè sull’effettiva volontà di coinvolgerci anche quando obbligatorio. 

Oggi questa vicenda si chiarisce con un comunicato del sindaco che annuncia l’allontanamento dei due dissidenti. Prima il vice sindaco Galli adesso due consiglieri. È sempre responsabilità degli altri, o anche il Lambardi, come noi diciamo costantemente, non rispetta gli impegni elettorali attesi e, pertanto, i suoi collaboratori non si riconoscono nei risultati della sua amministrazione? 

Invitiamo il sindaco dopo 20 mesi di amministrazione a rileggere il proprio programma elettorale e riflettere su quanto realizzato.

Se ha dei problemi - conclude pungente Segnini - a farlo lo possiamo aiutare noi. Si tratta di un lavoro velocissimo"



Tag

«Grazie al mio staff perché non è facile sopportarmi...», e Meloni scoppia a ridere

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità