Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:16 METEO:PORTOFERRAIO19°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Alec Baldwin spara sul set del film Rust, muore la direttrice della fotografia: il video dall'alto del luogo della tragedia

Politica martedì 05 luglio 2016 ore 10:38

Le barriere marine finiscono in consiglio comunale

Nuovo Progetto per Campo presenta un'interpellanza con richiesta di risposta scritta sul progetto Vivere il Mare per le barriere marine



CAMPO NELL'ELBA — "Abbiamo letto con attenzione e con una certa dose di preoccupazione la nota che le ha inviato Yuri Tiberto riguardante il contenuto della determina inerente il progetto esecutivo Vivere il mare, che prevede la posa in opera di una imponente barriera artificiale a circa 150 mt di distanza dall'arenile di Marina di Campo per un costo complessivo di 525.000 euro. 

Ci saremmo attesi, come di consueto, una sua pronta risposta e nel timore che tutto finisca nel dimenticatoio, favorito da questo periodo estivo, come consiglieri e prima di tutto come campesi, riteniamo di dover far nostre le preoccupazioni del sig. Tiberto ed aggiungere anche quanto segue. 

Erosione della spiaggia. Si è chiesto il sindaco se il posizionamento di tale barriera possa avere conseguenze sull’erosione della spiaggia di Marina di Campo? Temiamo che il collocamento di una nuova opera nel golfo, senza alcuna preventiva verifica scientifica, possa accentuare l’erosione già presente. Teniamo a sottolineare che, in base ad uno studio effettuato dall'Università di Firenze dal prof. Pranzini per conto del Comune, se ricordiamo bene dell'anno 2008, si indica in circa 100 mila metri cubi di sabbia sparita l'entità del fenomeno erosivo del golfo, con conseguente arretramento della linea di riva a causa dei mutamenti determinati dalla presenza delle più recenti opere portuali (diga foranea). 

Ancora per il golfo di Campo, lo stesso studioso congiuntamente ad altri professionisti ha eseguito, sempre per il nostro comune prima della nascita dell'Autorità Portuale, altri studi relativi al comportamento delle correnti finalizzati alla realizzazione di nuove opere portuali. Non sarebbe stato opportuno interpellare il predetto professionista, o altro similare, per verificare che tale istallazione non provochi ulteriori sconvolgimenti alla spiaggia, con potenziali gravi conseguenze ambientali ed economiche? 

Modifica dell'ambiente. Ha valutato sindaco, affidandosi ai consigli di un biologo marino, se inserire nel nostro golfo, in modo artificiale, elementi totalmente estranei quali le sue barriere potrebbe andare a modificare in maniera sostanziale la stabilità ecologica della zona, cosicché, invece di difendere l'esistente biodiversità, si andrebbe a comprometterla ? 

Pericolosità. Ancora concordiamo con Tiberto che posizionare, come fatto altrove, una scogliera artificiale su un fondale di 20 metri o a due miglia dalla costa, è una cosa. Posizionare a circa 150 metri dall’arenile, tanto per capirci abbondantemente entro il limite delle boe rosse, e a 3/4 metri di profondità una sorta di trappola per topi, in piena zona di balneazione, con la possibilità che qualche bagnante per curiosare ci si infili e ne nasca un incidente è sicuramente un evento da prendere in considerazione. 

Stabilità dell'opera nel tempo. Questo è un evento non preso in considerazione da Tiberto ma sul quale di contro è opportuno fare una valutazione. Nel nostro golfo, ed in particolare nella zona interessata all'intervento, si abbattono ripetutamente violenti fortunali che hanno causato più volte nel tempo distruzioni ai manufatti in prossimità dell'arenile strada recinzioni e non ultimo anche a strutture marine. Siamo certi che le vostre barriere posizionate in acque basse, così come scritto nella relazione tecnica reggeranno all'urto? 

Studio in loco. Sicuramente chi scrive non è in grado di esprimere le valutazioni del sig. Tiberto sui contenuti del progetto ma rimaniamo colpiti dalle singole considerazioni che lo stesso riporta nella sua lettera e le analogie che il nostro elaborato ha con quello di Avola. Se vero dimostra come lo studio non sia stato altro che una riproposizione di valutazione fatte per un territorio ed un’ambiente completamente diverso dal nostro. 

Informazione. Infine dobbiamo prendere atto ancora una volta che, diversamente quanto promesso in campagna elettorale, nessuna condivisione od incontro con la cittadinanza è stato fatto per illustrare e condividere il progetto e le sue finalità". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il consigliere regionale Petrucci di Fdi: “12 letti nuovi inutilizzati per manca personale, è una vergogna! Bezzini dia risposte all'Elba".
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca