Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:48 METEO:PORTOFERRAIO17°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 13 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Neymar distratto dal telefono gioca a poker durante la festa di compleanno della figlia

Attualità giovedì 15 settembre 2016 ore 19:48

Genitori sul piede di guerra per la Buona Scuola

Una dura nota dei genitori dei plessi di Campo nell'Elba amplia l'estensione della protesta contro la mancanza di docenti



CAMPO NELL'ELBA — I genitori dell'Istituto Comprensivo di Marina di Campo si trovano a vivere l'inizio dell'anno scolastico in condizioni di orario, per i loro ragazzi, difficili da gestire. 

Dopo il caso limite di Marciana Marina in cui gli alunni della scuola secondaria hanno iniziato con un'ora sola di lezione, a rotazione, avendo come solo insegnante il prof. Massimiliano Ferrante docente di religione, alla scuola secondaria di Marciana la situazione è  di poco migliore: qui le due classi presenti, essendo poco numerose, sono state unite in una unica e avendo un'insegnante sola, la prof.ssa Lucia Paolini docente di lettere, hanno potuto vantare un tempo scuola di due ore. 

Non è andata certo meglio nel plesso di Marina di Campo: cinque insegnanti su sei classi. Qui hanno iniziato con un'ora le classi prime e due ore le classi seconde e terze e il secondo giorno tutte e tre le sezioni riusciranno ad avere tre ore di lezione. 

"L'inizio dell'anno scolastico - commentano i genitori - è un disastro che sta seminando macerie in tutta Italia, ma in territori disagiati come il nostro la situazione si fa ancora più pesante, poiché molti i docenti non accettano l'incarico per difficoltà di trasferimento e noi corriamo il rischio di ritrovarci a metà anno scolastico, come accaduto l'anno scorso, ancora senza docenti. 

La Buona Scuola si è rivelata una beffa per i docenti, i dirigenti scolastici e soprattutto per i cittadini. L'unico a manifestare soddisfazione è il Ministro Giannini che ha rassicurato dicendo che ci sarebbe stato un fisiologico periodo di assestamento di una settimana - dieci giorni come peraltro è sempre stato".

Le critiche investono molti fronti: "I posti che dovevano essere assegnati già da quest'anno non ci sono in numero adeguato, soprattutto sul sostegno. Un concorso frettoloso, fuori termine e con una gestione e modalità imbarazzanti. I posti, anche se ci sarebbero, non ci sono perchè non previsti in bilancio e molte commissioni non hanno ancora restituito gli esiti delle prove e gli esami si concluderanno non prima della fine dell'anno".

"Si è creata una situazione assurda, causata dalla mobilità senza trasparenza e senza regole di merito e anzianità, che ha lasciato posti vacanti nelle regioni di appartenenza dove i docenti verranno assegnati, da precari, altrove e le scuole li vedranno ora e non gli anni successivi. Proprio quello che sta succedendo nel nostro istituto". 

La dirigente scolastica Lorella Di Biagio, aiutata dal personale amministrativo, in questi giorni ha provveduto a scorrere le graduatorie in attesa delle nomine, per poter garantire un minimo di orario scolastico per tutte le classi. Un lavoro non indifferente, visto il numero dei plessi scolastici che si trova a dirigere (22 plessi in 7 comuni) e dove la realtà è simile in tutti. 

Oggi la dirigente è stata autorizzata a nominare i docenti da graduatoria di istituto, quindi è riuscita a nominare i docenti di italiano, matematica e inglese fino agli aventi diritto, per il minimo di ore necessarie. Già da sabato la situazione dovrebbe migliorare e la dirigente auspica che entro pochi giorni tutto sia risolto e che tutte le classi possano iniziare le lezione a orario completo. 

I genitori ritengono la situazione intollerabile: "La protesta non si fermerà nel non mandare a scuola i propri figli, come avvenuto oggi a Marciana Marina, ma andremo oltre anche in sostegno della nostra preside che si trova costretta a trovare una soluzione senza le risorse per poterlo fare. Se questa è la Buona Scuola era meglio quella non Buona e se la scuola deve iniziare in queste condizioni è meglio che non inizi fino a quando i docenti sono tutti ai lori posti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Guardia di Finanza questa mattina è intervenuta a Capoliveri con varie pattuglie. Le indagini coinvolgono anche il vicesindaco Leonardo Cardelli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Politica