Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Tarquinio e Vannacci. La nuova moda del 2024 è il candidato pret-à-porter

Attualità venerdì 14 luglio 2023 ore 18:50

Tartaruga marina, rilievi di Arpat sul nuovo nido

Quarto nido di Caretta Caretta dell'estate 2023 all'Elba e il terzo nel territorio campese. L'esperta di Arpat Mancusi chiarisce alcuni aspetti



CAMPO NELL'ELBA — Ieri sera era passata da un po' la mezzanotte quando una coppia di turisti svizzeri, rientrando in campeggio, ha visto una tartaruga marina sulla spiaggia intenta a scavare il nido per deporre le uova.

Questa volta la località scelta per dare nuova vita al mare è l'estremità più ad est del litorale campese, la Foce. Dopo Galenzana e Fetovaia quello della Foce è il terzo nido scoperto nel Comune di Campo nell'Elba e all'elenco si deve aggiungere anche quello di Lacona, nel Comune di Capoliveri.

"È un segnale di salute del nostro ecosistema mare - spiega Isa Tonso, volontaria di Legambiente, da sempre impegnata sul fronte della protezione delle tartarughe marine-. Nello stesso tempo questa presenza importante di nidi sulla Elba evidenzia il fenomeno del cambiamento climatico".

Pare infatti che le tartarughe marine stiano scegliendo le spiagge elbane per avere "nidi" con temperature adatte a tutelare la specie.

"Gli esemplari di "𝐶𝑎𝑟𝑒𝑡𝑡𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑒𝑡𝑡𝑎" - conferma Cecilia Mancusi, biologa marina dell'Arpat- hanno bisogno di temperature dei nidi per garantire sia la nascita di piccoli maschi sia quella delle femmine. Sappiamo che con temperature oltre i 30 gradi nascono femmine e sotto i 28 gradi esemplari maschi. Per questo cercano spiagge con temperature che garantiscano un equilibrio alla specie. È chiaro che si stanno adattando al cambiamento climatico".

Per questo motivo sono in corso studi e ricerche e i nidi elbani sono monitorati dagli esperti di Arpat con dei datalogger che monitorano costantemente la temperatura dei nidi. 

"È accertato che nei singoli nidi c'è un gradiente di temperatura diverso: in fondo alla buca c'è più fresco e quindi nascono i maschi, più in alto la sabbia più calda regala vita a esemplari femmine - spiega la biologa marina-.Certo è che la popolazione delle tartarughe marine 𝐶𝑎𝑟𝑒𝑡𝑡𝑎 𝑐𝑎𝑟𝑒𝑡𝑡𝑎 è in espansione."

"È cresciuta la sensibilità delle persone sulle tematiche ambientali - dice il sindaco Davide Montauti-. In questi anni nel nostro territorio I volontari di Legambiente hanno fatto un gran lavoro di sensibilizzazione. È significativo come le segnalazioni siano puntuali e arrivino non da esperti ma da persone comuni, dai turisti come in questo caso. Grazie all'impegno della Regione, dei Comuni, della Capitaneria di Porto, delle associazioni di volontariato e dei singoli cittadini e turisti siamo in grado di attivare subito una sinergia che ci permette di mettere in sicurezza i nidi e tutelare una specie protetta. Un bell'esempio di collaborazione a difesa di un bene comune: l'ambiente".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un giovane è stato soccorso dai volontari della Pubblica Assistenza su un sentiero impervio e poi trasferito in elisoccorso fuori Elba
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Lavoro

Attualità