Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:11 METEO:PORTOFERRAIO11°13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità venerdì 11 marzo 2016 ore 11:56

Elba casa delle rondini

Presentato il progetto per l'ospitalità delle rondini, il Comune ha cambiato il regolamento urbanistico per accogliere i migratori



CAMPO NELL'ELBA — Dopo un viaggio di 14mila km attraverso il deserto e il Mediterraneo c'è chi sceglie di tornare all'Elba per riposarsi e creare una famiglia. Sono le rondini, i rondoni e i balestrucci, uccelli migratori che da oggi troveranno accoglienza a Campo nell'Elba grazie al progetto di Parco, associazione BAT e Comune.

Si tratta di consentire agli esemplari che scelgono di tornare sull'isola di trovare adeguato ristoro attraverso l'installazione da parte dei privati di speciali nidi artificiali da fissare sotto i tetti e le tettoie. Il Comune ha deliberato una modifica all'art. 43 del regolamento edilizio per consentirne l'installazione senza chiedere permessi o fare carte bollate e i vantaggi di questa operazione sono stati illustrati questa mattina agli alunni delle scuole elementari e medie.

"E' una modifica che è stata votata all'unanimità dal consiglio comunale - ha affermato il sindaco Lorenzo Lambardi - e che verrà confermata anche nel prossimo regolamento edilizio. Voglio ringraziare il Parco, BAT e la scuola per aver promosso questo incontro per spiegare l'importanza di questa azione".

Introdotto da Francesco Mezzatesta, il progetto è stato spiegato ai bambini: "Per tornare a riprodursi nei luoghi dove sono nati questi uccelli percorrono migliaia di chilometri in volo dall'Africa all'isola d'Elba sorvolando il Sahara e il Mediterraneo. Sono insetticidi naturali: soltanto una coppia di rondini, quando alleva la prole, cattura un media 6mila insetti al giorno di cui il 40% costituito da zanzare e mosche. L'edilizia moderna ostacola rondini, rondoni e balestrucci nel trovare luoghi adatti per costruire il nido e molti nidi esistenti vengono abbattuti a causa delle deiezioni quando basta applicare delle piccole mensole sotto per risolvere il problema".

L'incontro ha visto la presenza anche del direttore del Parco, Franca Zanichelli e di Davide Peria, presidente della BAT.

"Ci sono molti elbani che ospitano le rondini - ha concluso Mezzatesta - come la signora Lia del bar Katiuscia di Pomonte e ci sono esempi naturalistici importanti come la rara rondine rossiccia che nidifica sotto il ponte di Colle d'Orano".

Azioni simili sono in corso a Rio nell'Elba e a Marciana.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Temperature in discesa e anche sul monte Capanne è arrivata la prima neve. Non escluse nevicate anche sugli altri rilievi
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità