QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 21°21° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 22 ottobre 2019

Attualità sabato 01 agosto 2015 ore 19:56

Buona la prima per Elbabook, più di 2mila persone

​Tra elbani e turisti sono più di duemila le persone richiamate a Rio Elba per la rassegna letteraria dell'editoria indipendente.



RIO ELBA — L’aria della piazza italiana, quella che non si respira più, con gli schiamazzi, i motorini in salita e le campane sopra le teste a passeggio, è tornata con ElbaBook, il primo festival isolano dell’editoria indipendente, che è stato capace di riempire il borgo di Rio Elba. 

Saranno state le 24 case editrici sparpagliate per tutto il paese, i 23 relatori accolti tra autori e critici, i concerti jazz illuminati di viola davanti al duomo, o il dispiegamento per i vicoli dei produttori enogastronomici che hanno fatto assaggiare il frutto del loro lavoro: di certo la cittadina si è divertita e ha conosciuto svariati autori di qualità con le loro pagine al seguito.

Di argomenti clou si è trattato anche ieri, durante la tavola rotonda Grandi gruppi editoriali e grande distribuzione: misure a tutela dei piccoli editori. Hanno preso la parola Giulio Milani di Transeuropa, Cristiano Armati di Red Star Press, Dario De Cristofaro di 42 Linee e il librario La Memoria del Mondo. Ha condotto il confronto Isabella Cazzoli di Nessun Dogma.

"Prima che venissimo travolti dalla crisi scatenata dalla bolla di speculazione Pde – ha sottolineato Milano – avevo undici collaboratori alle mie dipendenze. Ed era il periodo in cui facevamo meno ricerca sebbene specializzati in scouting autoriale, perché l’onda commerciale era favorevole. 

Il nostro proposito è sempre stato quello di insegnare una linea stilistica, mettendo anche a disposizione tempo non remunerato e cercando di aprire alle nuove promesse una strada verso editori più grandi". Non si tratta volontariato, ma di un sistema editoriale nazionale che è franato nel momento in cui è venuta a mancare la figura professionale del curatore di collana, che garantiva un canone dalle accademie e dai salotti. E ha prevalso il business man. 

Qual è allora il libro che deve andare sugli scaffali? "È quello che ha già avuto successo – ha proseguito Milani – quindi per mezzo di una somiglianza di forma e contenuti. L’omologazione è stata una conseguenza della distribuzione, un vero e proprio editore ombra, che richiede ogni volta lo stesso libro, ovvero che possa avere fortuna; così ha avuto origine un mercato di epigoni". Ampio è stato il consenso degli ospiti del festival, tra cui gli storici di Mediterranee edizioni, seduti e assorti nella platea di carta riciclata allestita dal main sponsor Comieco.

Le famiglie elbane, ma non solo, sono state protagoniste delle ultime ore della manifestazione, tanto da gremire di risate piazza Matteotti. Lo spettacolo di giocoleria dei Metà e Mavà, già invitati il giorno prima a Capoliveri, ha raccolto l’entusiasmo e l’allegria di nonni e nipotini.



Tag

Maltempo tra Liguria e Piemonte: a Gavi esonda il rio Neirone

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità