Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:PORTOFERRAIO18°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Taormina, ubriaca al volante perde il controllo e va a sbattere in galleria: le immagini dell'incidente

Attualità martedì 03 marzo 2015 ore 11:46

Bilanci irregolari, lo dice la Corte dei Conti

La sezione regionale della Corte dei Conti ha passato in rassegna i bilanci comunali dal 2005 al 2012. Tutti segnalati, si salva solo Rio Marina



FIRENZE — Sono diverse e gravi le irregolarità che la sezione regionale della Corte dei Conti ha riscontrato nei bilanci 2005 – 2012 di molti comuni toscani. E fra questi quasi tutti i comuni elbani non fanno eccezione. La denuncia è contenuta nella Relazione sulla finanza locale in Toscana che la sezione fiorentina ha condotto su tutti gli enti locali toscani.

Un lavoro che ha impegnato i giudici per due anni (2013 e 2014) e che solo recentemente è stata pubblicata. Il lavoro della Corte ha seguito due filoni: il controllo-monitoraggio effettuato sulle relazioni degli organi di revisione sul rendiconto 2012 degli enti locali territoriali della Toscana e la ricognizione dell’attività di controllo svolta dalla Sezione nel periodo 2006-2014.

Un lavoro condotto in stretta connessione con i revisori dei conti degli enti stessi durante il quale i giudici hanno chiesto “l’adozione di specifiche misure correttive, anticipando in qualche modo la grande operazione di emersione delle partite dubbie mantenute a bilancio; fenomeno questo che rendeva non del tutto attendibile il risultato di amministrazione accertato dagli enti”. Insomma i giudici hanno controllato i bilanci e hanno indagato, e chiesto di correggere, quei parametri che risultavano dubbi sia sotto il profilo formale, sia sotto quello sostanziale.

Non tutti si sono adeguati, andando ad aggravare la già difficile situazione, tanto che la Corte parla di “irregolarità la cui gravità va misurata in relazione ai suoi effetti nel lungo periodo e ai rischi possibili sul conseguimento e il mantenimento degli equilibri di bilancio”. L'attività istruttoria ha portato a scoprire 217 gravi irregolarità contabili per quanto riguarda il bilancio 2012.

Due comuni elbani si trovano già nelle prime tabelle: vengono infatti segnalate, per quanto riguarda un disavanzo sostanziale di amministrazione Capoliveri per 424.937 euro e Porto Azzurro per 1.678.442 euro.

La Corte dei Conti ha poi analizzato un altro profilo di grave irregolarità: il mantenimento in bilancio di poste attive non pienamente esigibili, cioè la messa a bilancio di troppi crediti (il limite è il 18%) o crediti troppo vecchi da risultare esigibili o attuali. In questo caso troviamo ancora Porto Azzurro che segnalava 2.659.557 euro (di cui 660.855 considerati vetusti) che raggiungono la soglia del 24,85% e Marciana che segnava 1.695.796 euro (di cui 392.356 considerati troppo vecchi) per una percentuale del 23,14%.

Terza irregolarità, sempre riferita alla gestione dei crediti, è la mancata previsione, o previsione insufficiente, del fondo di svalutazione crediti, cioè l'accantonamento di risorse che serviranno ad equilibrare il credito, una volta riscosso, della svalutazione avvenuta con il tempo. Qui abbiamo: Marciana Marina (stiamo sempre parlando del bilancio 2012).

Oltre alla mala gestione dei crediti, la Corte ha preso in considerazione anche il livello di indebitamento, pizzicando chi aveva un'esposizione irregolare (debiti di finanziamento non assistiti da contribuzioni rispetto alle entrate correnti): troviamo Campo nell'Elba con un debito di 13.181.441 euro, una cifra che rappresentava il 157,51% quando il limite legale era il 120%.

La Corte dei Conti allarga poi lo sguardo al passato andando a delineare un quadro storico di buona amministrazione, se pure con riferimento ai molti cambi di regole sulla rendicontazione che si sono succeduti ne tempo. Vediamo quindi quali sono i comuni elbani che sono stati destinatari, nel periodo 2005 – 2012 di pronunce specifiche, cioè di ammonizioni del giudice contabile. 

Fra i piccoli comuni della Toscana svettano due elbani (Marciana e Porto Azzurro) con 8 delibere a testa, cioè almeno un'irregolarità rilevata per ogni anno di esercizio considerato (primato assoluto di categoria), Rio Elba ne ha collezionate 6, Campo nell'Elba 5. 

Un altro dato che emerge è il numero di verifiche sulla sana gestione che la Corte ha effettuato ne periodo 2003 – 2012: Portoferraio ha avuto 2 verifiche, Porto Azzurro ne ha subite 5 mentre Capoliveri, nello stesso periodo, ben 194. Campo nell'Elba e Portoferraio sono state segnalate invece per alcuni tipi particolari di irregolarità: carente motivazione dei provvedimenti di riconoscimento dei debiti fuori bilancio 

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'ambulanza era parcheggiata ed è stata presa in pieno da un'auto parcheggiata proprio sotto la sede dei carabinieri in centro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca