Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:PORTOFERRAIO20°34°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Attualità venerdì 26 febbraio 2021 ore 16:46

Canile Elba, "sia nominato un commissario"

Foto di repertorio

Lo chiede l'associazione Animal Project che ha inviato una lettera al presidente Giani e alla giunta in cui chiede alla Regione di intervenire



PORTOFERRAIO — L'associazione Animal Project ha inviato una lettera al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e alla giunta regionale per chiedere l'intervento della Regione stessa per la realizzazione del canile/gattile comprensoriale dell'isola d'Elba.

Il progetto del canile-gattile comprensoriale è portato avanti dal Comune di Capoliveri, ente capofila fra i Comuni elbani riuniti in una specifica gestione associata per la realizzazione del progetto.

Qui di seguito pubblichiamo il testo della lettera dell'associazione Animal Project.

"Egregio Presidente, ci rivolgiamo alla Sua attenzione per chiedere che la Regione intervenga nella questione della realizzazione del canile/gattile comprensoriale dell’Isola d’Elba. Questa vicenda si protrae ormai da troppi anni e, alla luce degli ultimi avvenimenti, crediamo sia necessario un intervento concreto da parte della Regione per imporre ai Comuni elbani l’attuazione della norma nazionale, della Legge regionale toscana n.59/2009 e delle Linee guida per l’Istituzione del Soccorso Animali approvate con Delibera n°943 del 6.10.2015.

L’iter per la realizzazione del canile comprensoriale è stato avviato nel lontano 2008 dalla Comunità Montana dell’Elba e Capraia che affidò l’incarico per la predisposizione del progetto a un gruppo di professionisti. Il progetto venne approvato nel 2009, ma dopo la chiusura della Comunità Montana e la breve vita dell’Unione dei Comuni, è rimasto accantonato per anni. Per questo progetto era stato ottenuto un finanziamento di 100.000 euro dal Ministero della Salute e di 135.000 euro da Codesta Regione.

Nel 2014, a seguito dell’iniziativa della Fondazione tedesca Bastet intesa a finanziare la realizzazione della Città dei Gatti nel Comune di Capoliveri, il Sindaco del Comune in questione propose di utilizzare il finanziamento che fu quantificato in 600.000 euro (era questo l’importo del primo stralcio del progetto approvato nel 2009) per la realizzazione del canile/gattile comprensoriale e per la clinica veterinaria H24, voluta dalla Fondazione.

Da allora, un lungo iter politico e burocratico ha visto:

- nel 2018 la costituzione della “Gestione Associata per la realizzazione e gestione di un canile/gattile comprensoriale, per la lotta al randagismo e per l’attivazione di un servizio di pronto soccorso veterinario H24” con durata quinquennale;

- nel 2019 l’affidamento ad un nuovo progettista dell’incarico per la variante al primo stralcio del progetto approvato nel 2009 e l’approvazione del nuovo progetto definitivo cantierabile (valore complessivo 950.000 euro e base d’asta lavori 750.000 euro).- a gennaio 2020 la presentazione del progetto alla Fondazione tedesca, agli altri Sindaci parte della Gestione associata e alle associazioni animaliste. In quella occasione, preso atto che il progetto era carente del gattile e necessitava di integrazioni, al fine di non perdere il finanziamento privato, si convenne di procedere con le integrazioni la cui spesa avrebbe potuto essere finanziata con il ribasso d’asta sul primo lotto;

- a novembre 2020, dopo la fase più critica della pandemia e il cambio del Sindaco di Capoliveri per il contenzioso post elettorale, la revoca del finanziamento da parte della Fondazione tedesca che ha ritenuto non più sostenibili le lungaggini burocratiche elbane.

Ad oggi quindi, esiste un terreno già espropriato e con idonea destinazione d’uso, esiste un progetto definitivo e cantierabile, anche se da integrare e implementare per la mancanza del gattile, ci sono già stanziati 350.000 euro da parte della gestione associata ed alcuni sindaci hanno pubblicamente affermato che trovare le risorse economiche per coprire la differenza di spesa a seguito della revoca del finanziamento non è un problema. La conferenza dei sindaci si è riunita il 15 gennaio u.s. e i sindaci si sono dati 3 settimane di tempo per esaminare tecnicamente il progetto che hanno già ricevuto e condiviso a gennaio 2020! Ma al momento nessuna nuova convocazione, né alcuna certezza sull’esito e sui tempi del procedimento.

La nostra Associazione ha attivato una petizione on line su Change.org e sono state già raccolte oltre 10.000 firme, segno evidente che i cittadini chiedono a gran voce che questo progetto venga portato a compimento.

Tutto ciò premesso, chiediamo che la Regione intervenga per imporre l’ottemperanza della Legge regionale n.59/2009, valutando l’adozione di ogni possibile strumento, ivi compresa la nomina di un Commissario ad acta che porti a compimento l’iter in questione.

Ringraziando per l’attenzione, restiamo in attesa di un cortese riscontro. 

Distinti saluti.

Il Presidente

Rita Pilato"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo ha fatto sapere il governatore della Toscana Eugenio Giani che sta seguendo l'evolversi della situazione. Oggi due roghi hanno colpito l'isola
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità